/ Attualità

Attualità | giovedì 28 luglio 2011, 09:33

Il vecchio “Ricovero Alpetto” di Oncino diventa “Museo degli albori dell’alpinismo”

Costruito nel 1866, pochi anni dopo la prima ascesa al Monviso per fungere da base logistica agli alpinisti diretti al Re di Pietra

In nuovo ed accogliente Rifugio Alpetto di Oncino

In nuovo ed accogliente Rifugio Alpetto di Oncino

Di proprietà del Comune di Oncino e del CAI sezione di Cavour, il rifugio Alpetto sorge nei pressi dell’omonimo lago dell’Alpetto, accanto all’edificio storico del 1866, quello che fu il primo rifugio del Club Alpino Italiano. Proprio in quei locali che costituivano il “Ricovero Alpetto”, domenica 31 luglio verrà inaugurato il Museo degli albori dell'Alpinismo "Giacomo Priotto".

Allestito dal Cai Piemonte con la collaborazione del Museo Nazionale della Montagna di Torino, della Biblioteca Nazionale del Cai e della Sezione del Cai di Cavour, il museo è ricco di documentazione, cimeli storici, riproduzioni e fotografie dell'epoca attraverso che permetteranno a tutti di  ripercorrere la nascita dell'Alpinismo.

La cerimonia d’inaugurazione – presenti le autorità civili e religiose locali ed il presidente Generale del Cai Umberto Martini - avverrà alle ore 11, quando si terrà la cerimonia di inaugurazione. Subito dopo, intorno a mezzogiorno, ci sarà il concerto dei Polifonici del Marchesato. Alle 13, presso il Nuovo Rifugio Alpetto sarà possibile consumare il pranzo alpino (polenta e salsiccia) al prezzo convenzionato di 10 euro.

Il Ricovero Alpetto fu costruito pochi anni dopo la prima ascesa al Monviso per dare un appoggio agli alpinisti diretti al Re di Pietra, per permettere loro un avvicinamento più comodo e veloce. Perse il suo ruolo di primaria importanza nel 1905 con la costruzione del Rifugio Quintino Sella, finchè nel 1983, grazie al Cai e all'Associazione "Amici della Montagna" di Oncino, il vecchio fabbricato non venne ristrutturato. Oggi, con la trasformazione in Museo, il “Ricovero Aletto” si riprende quel posto che gli spetta di diritto nella storia dell'Alpinismo italiano.  

W.A.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore