Attualità | venerdì 22 agosto 2014 05:56

Newsletter

Iscrivendomi acconsento al trattamento dei dati personali secondo le norme vigenti.

Ricerca

Attualità | lunedì 30 gennaio 2012, 10:52

Intermeeting della zona D della 1ª Circoscrizione sulla “Formazione” in collaborazione col Lions Club Carrù-Dogliani

Condividi |  

Franco Zunino, Paola Launo, Beppe Ferrero, Paolo Candela e gli altri ospiti intervenuti alla serata di “Formazione”

Intermeeting della zona D della 1ª Circoscrizione del Distretto Lions 108 Ia3, al Ristorante “Moderno” di Carrù, con la partecipazione di quattro dei cinque Lions Club che la costituiscono, (Carrù-Dogliani, Mondovì-Monregalese, Busca e Valli e Borgo San Dalmazzo) per la serata di “Formazione”, sul tema “Tutto quello che avreste voluto sapere sul Lions e non avete avuto il coraggio di chiedere”.

Nelle vesti più che di oratori, di “docenti” della lezione - perchè di una lezione si è trattato - il past Governatore Franco Zunino, (coordinatore del Global  Membership  Team, Gmt) e Paola Launo (coordinatrice del Global Leadership Team, Glt), accompagnati dal segretario del Membership Extention Retention Leadership (dalle iniziali, Merl), Dante Degiovanni, presenti il presidente di Zona, Beppe Ferrero egli officier distrettuali, Raffaele Sasso e Alessandro Prever. Una lezione su Gmt e Glt, due strutture che collaborano “al fine di individuare, sviluppare e diffondere opportunità per i leader Lions attuali e futuri e per favorire la crescita associativa attraverso il service e l’impegno”.

Rivolgendosi ai tanti soci del quattro Lions Club presenti, il presidente del Lions Club Carrù-Dogliani, Paolo Candela, ha detto: "Molto del nostro futuro è racchiuso nel nostro passato!!! Per questi motivi il Lions Club Carrù-Dogliani ha con insistenza richiesto agli officier distrettuali responsabili di Gmt e Glt, di dedicare una serata alla formazione, perchè, forti della loro cultura lionistica (e non solo), ci potessero portare una ventata di aria fresca, sì da rinfrescare la memoria ai soci lionisticamente più anziani, oltre che per aprire nuove angolazioni di veduta ai soci appena entrati a far parte di questo sodalizio".

Quindi la serata, svoltasi in due parti. Prima gli interventi dei due relatori, poi la risposta alle domande dei soci, messe per scritto durante la cena, con un dialogo quanto mai interessante e seguito. Franco Zunino ha parlato della storia del Lions e della sua evoluzione, soffermandosi anche su alcune pecurialità, come “l’invenzione del bastone bianco” che usano i ciechi, frutto di una intuizione e diventato poi un simbolo riconosciuto nel mondo intero. E ancora la battaglia di Helen Keller (cieca dopo aver contratto la lebbra) che nel 1925 partecipando alla Convention internazionale dei Lions Club, propose ai soci di diventare "cavalieri dei non vedenti nella crociata contro le tenebre". I Lions accettarono la sua proposta e da allora il lavoro dei Lions ha sempre incluso programmi per la vista mirati alla lotta contro la cecità prevenibile.

Paola Launo si è invece soffermata su quello che rappresenta il “Lions Clubs International Foundation” (LCIF), nato nel 1968 e riconosciuto, da una ricerca del New York Times fra 34 Ong mondiali ritenute migliori, al primo posto per la raccolta e distribuzione dei fondi, nella totalità, senza alcuno spreco. Ed ha poi ricordato le grandi battaglie mondiali, come la lotta alla cecità e al morbillo. Proprio per combattere questa malattia, letale per i bambini dei paesi poveri, la Bill & Melinda Gates Foundation è scesa a fianco dei Lions e per aiutarli in questo sforzo, ha messo a disposizione 1 dollaro ogni 2 raccolti dai Lions. Come dire un contributo di 5 milioni di dollari, la maggiore singola donazione nella storia di LCIF! Insieme, LCIF e la Gates Foundation nel 2012 impegneranno 15 milioni di dollari per combattere il morbillo. Fra le domande più numerose, quella sull’importanza del rispetto del cerimoniale nelle riunioni, come l’importanza di far conoscere i services che i Lions seguono a livello locale, nazionale ed internazionale. Come l’intervento che tutti i Lions del Multidistretto Italy hanno avviato, per aiutare le popolazioni della Liguria e della Sicilia, colpite dall’alluvione.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore