/ CSV informa

Che tempo fa

Cerca nel web

CSV informa | 16 aprile 2012, 11:36

A Saluzzo, boom di visitatori per la nona Fiera del Volontariato

Per tre giorni a Saluzzo ottanta associazioni hanno raccontato ai visitatori il benessere che scaturisce dal fare volontariato

A Saluzzo, boom di visitatori per la nona Fiera del Volontariato

Ottanta associazioni di Volontariato della Granda sono state protagoniste, alla ex Caserma Musso di Saluzzo, della 9^ Fiera del volontariato, nel comune intento di farsi conoscere e di trasmettere alle migliaia di visitatori i valori forti che si portano dentro e che animano il loro impegno gratuito verso il prossimo.

Ben –Essere il titolo di questa edizione della manifestazione che ha cercato di farsi portavoce di un messaggio importante: la solidarietà e la coesione sociale migliorano la qualità della vita delle persone. La Fiera, organizzata dal Centro Servizi per il Volontariato “Società Solidale” con il patrocinio della Regione Piemonte, della Provincia di Cuneo, del Ministero del lavoro e delle politiche sociali, del Comune di Saluzzo e in collaborazione con le Fondazioni bancarie Piemontesi e la Fondazione Amleto Bertoni, ha visto la partecipazione di migliaia di visitatori (circa il doppio rispetto alla passata edizione), nel corso di tutte e tre le giornate e in tutti gli appuntamenti in programma.

“Dedicare la Fiera al tema del Ben- Essere, poteva sembrare azzardato in questo momento di crisi economica - ha spiegato il  Presidente del CSV “Società Solidale” Giorgio Groppoma abbiamo voluto osare perché siamo convinti che il benessere economico non sia la cosa principale, perché prima viene il benessere fisico, prima del PIL, ci sta a cuore il FIL, la felicità interna e solo vivendo secondo questo sentimento positivo possiamo sperare di vedere un futuro migliore oltre le nuvole. In questa Fiera non vendiamo prodotti ma sogni e illusioni; la costante affluenza di gente in tutti gli anni e  il gran numero di visitatori visto quest’anno dimostra che le persone hanno bisogno di sognare e di credere in un futuro migliore non solo per se stessi, ma per tutti”.

L’importanza di dedicare l’evento al tema del Benessere è stata brillantemente spiegata anche nell’intervento dell’On Marzano, Presidente CNEL, nel corso dell’inaugurazione: “Per due secoli la crescita del PIL è stata considerata l’unico fattore rilevante per il benessere dell’uomo. Da anni stiamo riflettendo sul progresso in tutti i suoi aspetti, ed  è emerso che il capitale sociale è un fattore decisivo ed è anche un indicatore della qualità di vita. In un lavoro congiunto con l’Istat stiamo cercando di codificare indicatori concreti e misurabili. Tra questi – ha concluso l’On Marzano – vi è chi nell’ultimo anno ha svolto attività di volontariato o versato finanziamenti ad associazioni, il numero di associazioni  e cooperative sociali su un determinato territorio”.

La kermesse ha cercato di veicolare il messaggio di solidarietà di cui è portatore il volontariato anche attraverso spettacoli di intrattenimento: il venerdì sera con i “1911 Lokomotif Trio”, il sabato sera con la rappresentazione teatrale de “La corte dei folli” e la domenica pomeriggio con il teatro dialettale “El fornel”.

Particolare attenzione è stata dedicata al mondo dei più piccoli che sono stati animati dal topo Geronimo Stilton e della sorella Tea, dal divertentissimo Pompieropoli, dal battesimo della Sella e dalle magie di Roger e Ivan. Un occhio di riguardo  è stato rivolto ai ragazzi delle scuole, che nel corso dell’incontro del sabato mattina hanno avuto modo di riflettere sulla mercificazione del corpo femminile sui media italiani e sulla violenza a cui, ancora troppo spesso, è sottoposta la donna.

Non sono mancati i momenti di riflessione come l’incontro provinciale dei gruppi Acat e l’importante convegno, dedicato all’etica della vita e all’emergenza educativa oggi, tenuto dal Cardinal Elio Sgreccia, uno dei massimi esperti a livello internazionale di bioetica. Anche quest’anno ha continuato a riscuotere grandissimo successo il concorso Vota lo stand, arrivato  alla sua quarta edizione: le centinaia di visitatori che hanno partecipato alla votazione hanno sancito quale stand più bello quello dell’Associazione Teatroterapia seguito dell’A.s.h.a.s. (Associazione Solidarietà Handicappati Savigliano) e dall’associazione Francesco va in Burkina. I tre vincitori sono stati premiati in chiusura di manifestazione.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore