Cuneo e valli | mercoledì 23 aprile 2014 19:01

Newsletter

Iscrivendomi acconsento al trattamento dei dati personali secondo le norme vigenti.

Ricerca

Cuneo e valli | domenica 22 aprile 2012, 13:00

"Fermata d'autobus" al conservatorio Ghedini di Cuneo: parte una nuova stagione di concerti

Condividi |  

Lunedì 23 aprile alle 17.30 nella Sala Concerti del Conservatorio. Ingresso libero

Riccardo Zadra

Parte anche la serie di concerti denominata ‘Fermata d’Autobus’, con un invitato d’eccezione: il pianista Riccardo Zadra, che si esibirà presso la Sala Concerti del Conservatorio ‘G.F. Ghedini’ di Cuneo nel pomeriggio di lunedì 23 aprile. 

Il programma musicale è particolarmente interessante: due importanti Sonate di Beethoven e soprattutto una selezione di importanti composizioni di Claude Debussy: le due serie complete delle Images e due composizioni presentate pochi anni fa dallo stesso Zadra in prima esecuzione italiana: “Les soirs illuminées par l’ardeur du charbon”, e “Intermède”. Zadra ha sempre dato grande rilievo, nei suoi programmi da concerto, al celebre compositore francese, esponente di spicco dell’estetica impressionista, arrivando ad inciderne l’integrale dell’opera pianistica. Non a caso quindi è stato invitato come ospite di riguardo, considerando le varie iniziative che il Conservatorio G.F. Ghedini ha messo in cantiere per celebrare il 2012, anno del centocinquantenario dalla nascita di Debussy.

Presso il Conservatorio di Cuneo, il M.° Zadra terrà infatti una master class rivolta agli studenti del Conservatorio dal titolo ‘Il pianoforte di Debussy’ (giorni 23-24 aprile). L’appuntamento fa parte di un ciclo denominato ‘Debussy e dintorni’, realizzato con il coinvolgimento e la partecipazione di musicisti e docenti di varie discipline. ‘Debussy e dintorni’ è infatti un progetto ampio e articolato, comprendente oltre a lezioni sulla musica del grande Maestro francese, anche lezioni di storia del Cinema e di storia del Jazz. 

La data del 23 aprile è di particolare rilievo anche perché, in occasione del concerto di Riccardo Zadra, la Sala Concerti del Conservatorio sarà intitolata alla memoria del M.° Giovanni Mosca (1924-2008), eminente musicista cuneese, tra i principali promotori delle attività musicali della nostra provincia per oltre un cinquantennio di infaticabile attività. Diplomato in violino, in viola, in musica corale, compositore, concertista, organizzatore, talvolta anche giornalista e critico musicale, Mosca è stato una figura di primo piano per la storia musicale della nostra città. Tra i suoi molti pregi, quello di intuire l’importanza di fare arrivare la musica classica anche nei centri più piccoli della provincia, di diffonderla in modo capillare sul territorio, presso larghi strati della popolazione. Tra le molte notizie che si possono reperire nel suo sterminato curriculum, ricordiamo che è stato fondatore dell’Orchestra ‘Bruni’, Direttore del Conservatorio G.F. Ghedini da quando si chiamava ‘Istituto Bruni’ fin negli anni in cui è stato sezione staccata del Conservatorio di Torino, fondatore delll’Istituto Musicale “Vittorio Baravalle”, dell’Istituto “Ambrosino” di Peveragno, dell’Istituto Civico “Ludovico Rocca” di Alba, di ben nove scuole medie ad indirizzo musicale e di una miriade di corsi amatoriali per incentivare lo studio della musica. Mosca è stato ideatore anche del Concerto di Ferragosto in alta quota, ora diventato un appuntamento fisso della nostra estate

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore