Attualità | mercoledì 30 luglio 2014 02:54

Newsletter

Iscrivendomi acconsento al trattamento dei dati personali secondo le norme vigenti.

Ricerca

Attualità | giovedì 19 luglio 2012, 15:30

I giovani di Cuneo mettono in piazza i loro progetti

Condividi |  

Sabato 21 luglio: un pomeriggio di arte, musica e cultura in piazza Galimberti per farsi conoscere

Ancora una volta la piazza diventa il luogo fondamentale dell’incontro e dello scambio, centro vitale della città, una sorta di palcoscenico del senso di appartenenza di una comunità. Sabato 21 luglio Piazza Galimberti ospiterà un pomeriggio di musica, arte e cultura promosso dall’Assemblea per la cultura, un movimento spontaneo di giovani cuneesi alla ricerca di uno spazio libero dove potersi esprimere e incontrare in tutta libertà, senza limiti di spazio e orario. Una vera e propria vetrina per sostenere e far conoscere il loro progetto. “Mentre molte piccole città della Provincia hanno i loro spazi di aggregazione (i.e. Cucine musicali a Mondovì, Ratatoj a Saluzzo, Casa sacerdote a Fossano, etc) i giovani cuneesi sono sempre costretti a cercare spazi al di fuori della città di Cuneo, spesso anche a pagamento!” dicono tramite un comunicato.

Dalle 15 alle 20 i giovani dell’Assemblea per la cultura animeranno la piazza con concerti, esposizioni, laboratori e banchetti informativi. Otto gruppi hanno aderito all’iniziativa e si divideranno il palco. Le vie della città saranno animate dal “rock da salotto” della Banda Fratelli, dai balli occitani dei Lhi Balos, dai ritmi raggae dei Crazy Flower Power, dal rap dei Tororospo, ma anche da Puso, Matteo Castellano, La Macabra Moka, MrMexX...Insomma, per tutti i gusti! Saranno allestiti dei laboratori di pittura e di fumetti, dei laboratori di intrattenimento per i bambini ma anche delle esposizioni di artisti locali. Un vero e proprio “assaggio” di quello che potrebbero essere alcune delle attività ospitate dallo spazio.

Una piazza per trovare il proprio spazio, per esprimersi a livello creativo e per intrecciare relazioni sociali. Inoltre, sarà allestito anche un banchetto informativo che fornirà informazioni agli interessati, con un’area adatta a dialoghi e discussioni e la possibilità di firmare la petizione. L’obiettivo è di ottenere uno spazio che possa offrire molteplici servizi e contributi alla vita culturale e sociale di tutta la comunità (ragazzi, cittadini, istituzioni, associazioni) organizzando incontri, eventi musicali ed artistici, mostre fotografiche, teatro, cinema, festival e workshop, progetti educativi e formativi, corsi e laboratori, iniziative per le scuole e il mondo della famiglia, e molto altro ancora. Per ottenerlo, i giovani architetti dell'Assemblea per la cultura hanno mappato gli spazi sfitti di proprietà comunale o dati in concessione a privati presenti sull'altopiano che potrebbero essere utilizzati per questo scopo. (c.s.)

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore