/ Cronaca

Spazio Annunci della tua città

Mi chiamo Andrea Panarese e sono un libraio antiquario. Acquisto libri antichi in Liguria e dintorni. Mi trovate anche...

Società di trasporti a Torino assume autista di scarrabile e bilico con patentino ADR. Inviare curriculum via mail ...

Coldelite 3002 RTX, 12 pozzetti, attrezzature Officine bano, Frigoriferi ISA BT e TN da 700 lt, Montapanna Carpegiani...

Polleria,salumeria,praticamente nuova. Affare in blocco o separatamente i singoli pezzi. Cella frigo, forno,...

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | venerdì 27 luglio 2012, 09:19

Falso in atto pubblico e abuso d'ufficio: arrestato un veterinario dell'ASL di Cuneo

Avrebbe consentito ad alcuni allevatori di avvantaggiarsi rispetto alla concorrenza mettendoli a conoscenza anzitempo di futuri controlli a loro carico

Nei giorni scorsi, i militari del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Cuneo, su disposizione del G.I.P. presso Tribunale di Cuneo, Sandro Cavallo, hanno tratto in arresto R.G., medico veterinario presso la ASL del capoluogo, nei confronti del quale è stata applicata la misura della custodia cautelare agli arresti domiciliari, per reati legati all’esercizio della professione.

In particolare, il medico è accusato dei reati di falso in atto pubblico e abuso d’ufficio, per aver diffuso notizie riservate concernenti l’imminenza di controlli da parte del Servizio veterinario e distrutto atti del suo ufficio, quali verbali di prelevamento di campioni organici e sequestro amministrativo di bovini, redatti nei confronti di allevatori con i quali, da tempo, intratteneva rapporti che sono risultati andare al di là delle fisiologiche relazioni di norma esistenti tra un organo di controllo e le sue controparti.

Le indagini dei Finanzieri, coordinate e dirette dal Procuratore della Repubblica di Cuneo, Francesca Nanni, sono ora rivolte a chiarire le motivazioni che hanno determinato il professionista a concedere favori di tale genere che, in base agli esiti degli accertamenti, avrebbero consentito ad alcuni allevatori di avvantaggiarsi rispetto alla concorrenza, venendo a conoscenza anzitempo dei controlli previsti a loro carico, ma anche di ottenere dal veterinario la distruzione fraudolenta di verbali di prelevamento campioni e dei campioni stessi, scongiurando così il rischio che l’esito delle successive analisi potesse rivelare l’impiego di sostanze non consentite nell’allevamento degli animali.

 

 

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore