/ Eventi

Eventi | 25 maggio 2013, 11:06

La Fondazione Mirafiore presenta gli eventi per il suo compleanno, oggi Alessandro Bertante

Gianna Nannini in un recente incontro alla Mirafiore

Gianna Nannini in un recente incontro alla Mirafiore

Oggi alle ore 18.30 lo scrittore Alessandro Bertante legge e racconta “L’Opera al Nero” di Marguerite Yourcenar.

Dice Bertante: “Marguerite Yourcenar è una delle scrittrici più importanti del secondo dopoguerra come valore assoluto e L'Opera al Nero uno dei romanzi più affascinanti e suggestivi nella pur vasta opera della grande autrice francese. Il protagonista Zenone è un personaggio senza tempo, archetipo della volontà umana di valicare ogni frontiera.”

Il 17 giugno è il compleanno di Fontanafredda e per l’ occasione è stata organizzata una settimana di festeggiamenti!

Venerdì 14 giugno, alle ore 21, il Maestro Uto Ughi presenta “Quel diavolo di un trillo” (Einaudi, 2013)

 

Un’ autobiografia che racconta, tappa dopo tappa, l’esistenza del Maestro interamente dedicata alla musica e all’arte. Uto Ughi apre lo scrigno della memoria e ne ripercorre la strada della sua vita, sia quella pubblica, con il rapporto con i suoi maestri e i suoi estimatori, sia quella privata, con l’amore per la letteratura e per i viaggi. Dialoga con Ughi il giornalista Piero Negri Scaglione.


Lunedì 17 giugno, alle ore 18.30, Enrico Remmert e Luca Ragagnin presentano “Elogio della sbronza consapevole” (Marsilio, 2012)


Dopo duecento presentazioni e oltre ventimila copie vendute, arriva a Fontanafredda il reading più alcolico d'Italia. Due scrittori divoratori di libri alle prese con un tema che inzuppa la letteratura di tutti i tempi: Elogio della sbronza consapevole è una stravagante antologia al cui interno si trovano racconti originali, estratti, aforismi, parodie, false citazioni, divertissement, deliri non attribuibili, il tutto legato al tema senza tempo del bere (vino, birra, liquori, qualunque cosa purché sia alcolica).

 

Alle ore 21, sempre di lunedì 17 giugno, il regista Pupi Avati presenta il suo ultimo libro “La grande invenzione” (Rizzoli, 2013)

 

La storia familiare di Pupi Avati si dipana da un'Emilia contadina e felliniana per arrivare a Pupi e alla Bologna degli anni Trenta, con i suoi bar biliardo, i portici e le scampagnate, le avventure di un giovane con pochi mezzi ma molta fantasia nell'Italia della guerra e del dopoguerra, la scoperta della musica, la collaborazione con Pasolini, l'amicizia con Fellini.
 

Gli eventi della Fondazione sono gratuiti ma per partecipare è necessario prenotarsi tramite il sito www.fondazionemirafiore.it

 

cs

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium