/ Attualità

Spazio Annunci della tua città

(IM) vicinissimo piazza del mercato ampio monolocale mq 35 luminoso con parete mobile per separare zona cucina/notte,...

Marca Orsi 1.22 ottime condizioni telefonare ore pasti

DELTA Gold diesel anno 09/2011 km 87.000 colore blu con cambio automatico 6 marce e con possibilità di usare il cambio...

Nel comprensorio sciistico della Riserva Bianca, a due passi dalla Costa Azzurra, di 100 metri quadrati,...

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | lunedì 11 novembre 2013, 16:44

Cuneo, flashmob itinerante per il centro cittadino per aderire allo “sciopero delle donne” contro la violenza sulle donne

L'appuntamento è per il 25 novembre, Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, alle ore 18, in Corso Nizza angolo Corso Dante

Lo sciopero delle donne  un'iniziativa nazionale lanciata sul web (www.scioperodelledonne.it) per protesta verso la cultura della violenza. 

In un contesto di crisi strutturale le donne sono ancora una volta chiamate a pagare di più, il 25 novembre - proclamata dall'Onu Giornata internazionale contro la violenza sulle donne - diventa occasione per reclamare il diritto all'esistenza e all'autoderminazione delle donne. 

Occorre che tutti capiscano che nessuna si cerca la violenza. Mettersi la minigonna non significa cercar sesso, deludere il partner non autorizza a persecuzioni, essere libere di andare per le strade senza coprifuoco non deve significare andarsela a cercare..Ora di mettere in campo i nostri corpi per affermare pubblicamente che la violenza non è mai normale. Occorre educare cittadinanza e istituzioni al rispetto della donna come persona e non come funzione sociale.

Se non ora quando Cuneo promuove l'adesione allo sciopero attraverso un flashmob itinerante per il centro cittadino. L'appuntamento è dunque per il 25 novembre, alle ore 18, in Corso Nizza angolo Corso Dante, per un percorso di flashmob itineranti tra Corso Nizza e Via Roma. 

L'invito a partecipare è rivolto alle persone (donne e uomini) e alle associazioni. L'adesione si manifesta indossando qualcosa di rosso, quale simbolo di ribellione a ogni forma di violenza,  ed esprimendo il proprio pensiero sulla cultura che uccide, attraverso cartelli o quanto la creatività suggerisca. La cittadinanza è invitata ad esprimere la sua solidarietà attraverso il colore rosso esposto da finestre e balconi (coperte, asciugamani, nastri...).

Ora di mettere in campo i nostri corpi per affermare pubblicamente che la violenza non è mai normale. Se non ora quando?

http://www.scioperodonne.it/

 

R.G.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore