/ Scuole e corsi

Spazio Annunci della tua città

Pannello solare,Veranda FIAMMA, Portabici FIAMMA 4 canaline, TV e decoder in mobiletto dedicato, Antenna digitale,...

Strepitosa occasione composta da soggiorno più angolo cottura due camere ,,gran terrazzo più grande giardino...

Vendo Guantoni Vandal Pelle Neri da Sacco Taglia L Usati Pochissimo (praticamente nuovi) Posso inviare altro foto ...

Vendo Sacco Punchbag Box Paracolpi Pesante Leather Pro International Professionale Usato Pochissimo (praticamente...

Che tempo fa

Cerca nel web

Scuole e corsi | sabato 28 febbraio 2015, 10:51

Risultati lusinghieri dell’Ancina al Campionato delle Lingue ad Urbino

Alle prove semifinali del 20 febbraio 2015 ed alle finali del 21 febbraio presso le sedi del Centro Linguistico d’Ateneo di Urbino era presente anche il Liceo statale G.Ancina di Fossano con la delegazione di 3 alunni delle classi 5^A e 5^B liceo linguistico, accompagnati dalla docente di Lingua Inglese prof.ssa Enria Luisella

Il Dipartimento di Studi Internazionali, Corso di Laurea in Lingue e Culture Straniere dell’Università degli Studi di Urbino Carlo Bo, e il Liceo “Raffaello” di Urbino hanno promosso la 5ª edizione del Campionato nazionale delle Lingue col patrocinio dell'Ufficio Scolastico Regionale e del Comune di Urbino. Alle prove  semifinali del 20 febbraio 2015 ed alle finali del 21 febbraio presso le sedi del Centro Linguistico d’Ateneo di Urbino era presente anche il Liceo statale G.Ancina di Fossano con la delegazione di 3 alunni delle classi 5^A e 5^B liceo linguistico, accompagnati dalla docente di Lingua Inglese prof.ssa Enria Luisella.

 

Eccellenti i risultati conseguiti:

Cecilia Bima (5^B Ling.co) di Fossano, 3^ classificata per la lingua Francese nella fase finale di scrittura creativa in lingua francese;  Scotta Fabio (5^A Ling.co) di Cavallermaggiore, classificato nei primi 10 per la lingua Inglese nella fase finale; Sanino Arianna  (5^B Ling.co) di Bene Vagienna al 15° posto nella fase semifinale per la lingua Tedesca.  

“I tre giorni di Urbino mi hanno permesso di aprire un po’ gli orizzonti e capire quale fosse veramente il mio livello di lingua – racconta  Cecilia Bima -  ma, soprattutto, ho avuto modo di esprimere attraverso il francese, una mia passione che è la poesia! Urbino, poi, è una città davvero suggestiva e il clima universitario che si respirava ci ha permesso di immergerci in un’altra dimensione”.

Particolarmente ricca la motivazione della giuria a commento del testo poetico in francese prodotto da Cecilia:Sentimenti ed emozioni che sfiorano lo ‘spleen’, ma che lo possono anche far diventare ‘idéal’ ,muovono il tratteggio di domeniche vissute in solitudine. Parole aeree di sofferta dolcezza si dispiegano in un testo poetico che lascia risuonare un’eco leopardiana rivissuta con pathos, ma senza patetico autobiografismo”.

Hanno partecipato 120 studenti delle classi quinte  (30  per ciascuna lingua) provenienti da quarantina di scuole italiane precedentemente selezionate, che concorrevano per le lingue Inglese, Francese, Tedesco, Spagnolo.

Nato con la finalità di “incentivare l’eccellenza nei percorsi di istruzione“ (D.L. n. 262 del 29-12-2007), il Campionato Nazionale delle Lingue intende valorizzare l’importanza dello studio delle lingue straniere in una società globale, interculturale, multietnica e promuovere l’eccellenza nella scuola superiore come ponte ideale verso gli studi universitari.

“È stata un'esperienza senza dubbio arricchente – riferisce Arianna Sanino -  un'ottima maniera per confrontarsi con altri ragazzi, conoscere nuove persone e anche visitare una bella città come Urbino. Ho trovato molto interessante incontrare così tanti studenti ed insegnanti uniti dalla passione per le lingue, che stanno diventando sempre più importanti per il nostro futuro. Tre giornate che nonostante treni, esami e colloqui sono volate e si sono rivelate anche molto stimolanti”

La competenza linguistica dei partecipanti è stata testimoniata dall’eccellenza delle loro prove scritte ed orali e dall’entusiasmo della docente Enria Luisella che non ha  mancato di sottolineare la perfetta organizzazione, l’efficienza operativa e la serietà delle prove.

“Tutto ciò che ci hanno regalato questi tre giorni passati a Urbino - racconta Fabio Scotta - non può essere riassunto in poche parole: abbiamo aperto i nostri orizzonti mettendoci alla prova, abbiamo conosciuto gente che ama le lingue almeno tanto quanto le amiamo noi, abbiamo affrontato esami - scritti e orali - gareggiando contro studenti da tutta Italia, abbiamo riso e soprattutto abbiamo vissuto. Un'esperienza che non dimenticherò in poco tempo e che raccomanderei a tutti” .

La fotografia su scala nazionale delle competenze linguistico/comunicative/culturali degli studenti in prossimità dell’esame di maturità si è rivelato, di fatto, anche uno strumento estremamente utile  alle scuole partecipanti per avere un quadro delle capacità d’uso delle lingue dei propri studenti.

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore