/ Al Direttore

Spazio Annunci della tua città

generico settore agricoltura allevamento avicolo a tempo indeterminato azienda agricola del Monferrato (AL) ricerca...

Nel borgo marinaro di Gioiosa Marea e a pochi passi dal mare, pittoresca recentemente ristrutturata. La casa, dotata...

Frazione Diano Serreta, a soli 3,5 km dalle spiagge in splendida posizione con vista mare, vendesi casa...

Terranova bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili due maschi solo amanti razza. Nati 16...

Che tempo fa

Cerca nel web

Al Direttore | lunedì 10 agosto 2015, 11:30

"Ripopolare la montagna grazie agli immigrati": l'associazione Alte Terre si schiera con l'UNCEM

Riceviamo e pubblichiamo

Gentile Direttore,

le dichiarazioni dell’assessora regionale all’immigrazione Monica Cerutti, che vuole ripopolare i borghi montani con i migranti, chiariscono quanto detto il 17 giugno scorso dall’on. Borghi, pres. nazionale UNCEM, alla presentazione del Rapporto Montagne Italia alla Camera dei Deputati: “La montagna capace di accogliere: i comuni delle Terre Alte luogo di forte innovazione, anche grazie agli immigrati. Nostre comunità luogo di integrazione”.

L’attuale momento storico europeo ha evidenti quanto sottaciute similitudini con cosa succedeva nel 4° e 5° secolo quando un Occidente, con un esercito ormai mercenario, alle prese con un monoteismo antagonista e in piena crisi economica e istituzionale, cercava di gestire al meglio flussi migratori che, almeno all’inizio, non avevano ambizioni di conquista, ma cercavano solo di sopravvivere. Flussi di migranti che contribuirono al “declino e caduta” di un occidente che stava liquefacendosi e che non resse all’impatto.

Ebbene, nessuna di queste genti si fermò sulle Alpi, che furono popolate solo secoli dopo quando signori illuminati garantirono “libertà e buone vianze” a coloro che sceglievano di farsi montanari.

Ora che proprio “libertà e buone vianze” quassù sono sotto attacco, parlare delle Alpi come “luogo di forte innovazione anche grazie agli immigrati” è fuori luogo, fuori tempo e fuori dalla storia e per noi denuncia approccio amatoriale o strumentale a questioni che meritano ben altra attenzione.

Le Alte Terre si meritano altre strategie, altri progetti e un altro approccio, ridateci “libertà e buone vianze”, solo così si ripopolano i borghi alpini.

Le valli non possono diventare il luogo in cui scaricare emergenze che non si è in grado di gestire, non siamo il tappeto sotto il quale nascondere quanto altrove è di troppo.

Dr. Giorgio Alifredi, Presidente Ass.ne Alte Terre

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore