/ Sanità

Sanità | martedì 08 settembre 2015, 15:15

Alzheimer e demenza: il progetto "Aiuta chi aiuta: insieme è più facile" arriva in soccorso delle famiglie

L'iniziativa è targata Consorzio Socio-Assistenziale del Cuneese

Alzheimer e demenza: il progetto "Aiuta chi aiuta: insieme è più facile" arriva in soccorso delle famiglie

Il Consorzio Socio-Assistenziale del Cuneese continua ad offrire anche per quest’anno un servizio di supporto ai familiari dei malati di demenza e Alzheimer, attraverso il gruppo di auto e mutuo aiuto.

E’ importante che chi si prende cura del malato non dimentichi le proprie esigenze personali per non diventare eccessivamente frustrato, teso o risentito. Il progetto ha l’obiettivo di facilitare una reciproca assistenza e assicurare informazione e supporto psicologico per "aiutare chi aiuta".

Nell’incontro del 7 settembre 2015 la Signora Franca afferma: "Partecipo al gruppo dal mese di ottobre 2013, mio marito frequenta il Centro Diurno della Residenza "Mater Centro". Mi trovo più sollevata, lo ritengo utile e chiederò di continuare a venire. Ho imparato a non arrabbiarmi tanto con lui, a come comportarmi con lui e a tranquillizzarlo. Mi è anche servito il confronto con gli altri partecipanti. Il gruppo mi sta aiutando ad accettare la malattia e a sostenere meglio mio marito".

Gli incontri si svolgeranno presso la residenza per anziani "Mater Amabilis Centro", in corso Brunet 8, a cadenza quindicinale, il lunedì dalle ore 14.30 alle ore 16. Saranno tenuti dallo psicologo del Consorzio Dott. Pietro Piumetti, con la presenza, in qualche occasione, di altri esperti.

La partecipazione è gratuita.

I prossimi incontri del 2015 sono: 14 settembre; 5 e 19 ottobre; 2 e 16 novembre.

Per informazioni: tel. 0171/334501 chiedendo dello psicologo o anche lasciando un recapito telefonico per essere ricontattati.

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore