/ Eventi

Eventi | 16 novembre 2015, 11:37

Confini di Sara Vallefuoco vince il XVIII segnalibro d’oro del premio letterario Esperienze in Giallo

E' stato consegnato sabato sera a Fossano, al termine della cerimonia di premiazione

Confini di Sara Vallefuoco vince il XVIII segnalibro d’oro del premio letterario Esperienze in Giallo

"Un tempo indefinito, ma in cui è possibile riconoscere l'Ottocento di un'Italia appena riunificata, una regione lontana e inesplorata, un giovane carabiniere piemontese che deve superare il muro invisibile dell'incomprensione: questi gli ingredienti di un racconto che si snoda combinando un'acuta ricostruzione di atmosfere reali (ma allo stesso tempo immaginarie) e colte reminiscenze delle opere liriche, trasformando lo scontro di culture in un percorso di consapevolezza e di accettazione di codici diversi di comportamento, fino alla rinuncia del proprio ruolo": con questa motivazione la giuria di Esperienze in Giallo ha assegnato il segnalibro d'oro della XVIII edizione al racconto "Confini" di Sara Vallefuoco della provincia di Trento.

“Confini” è stato scelto dalla giuria presieduta da Alberto Sinigaglia e con Cristina Bragaglia, Bruno Gambarotta, Beppe Ghisolfi, Claudio Gorlier, Beppe Mariano, Maurizio Matrone, Gianni Menardi, Antonio Miglio, Margherita Oggero e Roberto Riccardi.

Il racconto fa parte del volume "Racconti da urlo" in cui ci sono gli altri 3 testi finalisti dell'edizione 2015, scelti tra i 99 arrivati quest’anno: "La casa a fontana di Trevi" di Carlo Parri, "Annetta è brava" di Ferruccio Masci e "Qui non succede mai niente" di Mario Trapletti.

Alla cerimonia di premiazione non sono mancati un minuto di silenzio e le riflessioni per quanto sta accadendo a Parigi: “E’ solo con la cultura e la conoscenza che si possono combattere azioni orribili come quelle - hanno sottolineato gli organizzatori del premio e il presidente di Giuria, Alberto Sinigaglia-. Per questo sono importanti tutte le iniziative che promuovono la conoscenza e la cultura che favoriscono il rispetto e la condivisione”.

Come ogni anno, poi, anche in questa diciottesima edizione “Esperienze in Giallo” ha voluto organizzare appuntamenti che potessero dar risalto alla città di Fossano: “Per questo abbiamo promosso l’incontro ‘Un uomo solo al microfono’ con il giornalista Emanuele Dotto che a una platea di studenti attenti e interessanti ha raccontato l’evoluzione del giornalismo sportivo, da Carosio ai giorni nostri- ha sottolineato il patron del premio, Enrico Serafini-.

La compagnia La Corte dei Folli ha poi portato in scena i lavori finalisti di ‘Folle d’autore’, prima edizione di un concorso dedicato ai testi scritti per il teatro; mentre l’Ordine dei Giornalisti del Piemonte ha organizzato a Fossano un appuntamento con il presidente dell’ordine Sinigaglia, Margherita Oggero, Ugo Cardinale e Alessandro Perissinotto”. L’appuntamento con la XIX edizione del premio Esperienze in Giallo è per il 2016.    

cs

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium