/ Attualità

Spazio Annunci della tua città

(IM) vicinissimo piazza del mercato ampio monolocale mq 35 luminoso con parete mobile per separare zona cucina/notte,...

Marca Orsi 1.22 ottime condizioni telefonare ore pasti

DELTA Gold diesel anno 09/2011 km 87.000 colore blu con cambio automatico 6 marce e con possibilità di usare il cambio...

Nel comprensorio sciistico della Riserva Bianca, a due passi dalla Costa Azzurra, di 100 metri quadrati,...

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | sabato 09 gennaio 2016, 17:19

Segnale Rai fantasma in molte aree montane: Uncem chiede un tavolo nazionale di monitoraggio

Il presidente Borghi: "Giusto pagare il canone, ma vogliamo che i servizi siano assicurati a tutti"

Ne abbiamo parlato più volte nel corso del 2015: la questione è l'assenza del segnale televisivo in molte aree collinari e montane della nostra provincia. E, in generale, in tante aree "periferiche" d'Italia. Il fenomeno aveva assunto dimensioni importanti tra ottobre e novembre, al punto che lo stesso parlamentare Mino Taricco aveva presentato un'interrogazione al Governo sul problema, in particolare per quanto riguarda il segnale Rai.

E' l'Uncem, adesso, a provare a fare la voce grossa, soprattutto in vista dell'inserimento del canone nella bolletta dell'Enel. Che senso ha pagare per un servizio del quale non si può usufruire? 

L'Unione dei Comuni e degli Enti montani, con una nota del Presidente nazionale Enrico Borghi, ha chiesto a tutti i Comuni, alle Comunità montane e alle Unioni montane di Comuni, di approvare al più presto l'ordine del giorno in Consiglio o in Giunta e di trasmetterlo poi ai Parlamentari delle proprie Regioni.

3500 comuni sono infatti chiamati ad approvare l'odg per ottenere un tavolo di monitoraggio nazionale, con la Commissione parlamentare per l'indirizzo generale e la vigilanza dei servizi radiotelevisivi, l'Intergruppo parlamentare per lo Sviluppo della Montagna e l'AgCom, così da individuare le aree alpine e appenniniche dove la tv si vede male. 

In Granda le aree interessate dal disservizio sono davvero tante, dalle valli al Cebano a molte zone delle Langhe e del Roero.

Borghi, presidente nazionale dell'Uncem, ha evidenziato come il canone Rai vada pagato ma, evidenzia, "vogliamo anche che i servizi siano assicurati a tutti, indipendentemente dal paese e dall'area dove hanno scelto di vivere". Insomma, se da luglio non si potrà più scappare dal pagamento del canone, che almeno sia garantita la possibilità di guardare la televisione.

rg

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore