/ Attualità

Spazio Annunci della tua città

Affittasi trilocale 4/6 posti letto in Residence Blue Marine. Uso degli impianti sportivi piscina tennis bocce palestra...

Km reali iscritta ASI con CRS (possibilita` di pagare meno di assicurazione e dal 2020 tariffa ridotta anche sul bollo)...

(IM) vicinissimo piazza del mercato ampio monolocale mq 35 luminoso con parete mobile per separare zona cucina/notte,...

Marca Orsi 1.22 ottime condizioni telefonare ore pasti

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | lunedì 11 gennaio 2016, 11:15

La morte di David Bowie ci ricorda che Cuneo è sempre stata una città che non guarda lontano

Un post di Castoldi: Bowie doveva essere l'artista di punta dei concerti in piazza Galimberti nel 2004. Il Comune decise di non investire sull'evento e non se ne fece nulla

photo by Adam-Bielawski

E' piuttosto evidente: Cuneo è una città incapace di creare eventi di primo livello. Di quelli che riempiono le piazze creando cultura.

L'Illuminata, ci sia concesso, ha riempito le piazze ma di cultura ne ha creata davvero poca. Per trovare un binomio di questo tipo bisogna, ovviamente, spostarsi nelle Langhe. Due eventi su tutti: Collisioni o il Festival dei nuovi media di Dogliani.

A ricordarcelo, interviene su Facebook Alberto Castoldi, fondatore e anima del Nuvolari Libera Tribù, una delle associazioni più attive della provincia per la promozione della musica.

Scrive Castoldi: La seconda edizione dei concerti in piazza Galimberti a Cuneo (la prima aveva avuto Patti Smith, Marlene Kuntz, Cristina Donà) doveva avere come head liner David Bowie. Non si fece mai perchè il Comune decise che la prima edizione aveva avuto troppe lamentele sul contributo erogato a confronto dell'effetto che ne era derivato. Era il 2004. Per me è stato un progetto abortito ed un concerto di un artista immenso peduto. Per il Comune un po' di soldi risprmiati.
Per me un grande rammarico, riacceso oggi dalla notizia della morte del Duca, per la mia città non so, forse solo acqua che scorre sul marmo
".

Magari interesserà a pochi, sappiate solo che a Cuneo potevamo avere David Bowie ma per il Comune i soldi da spendere erano troppi. Meglio investire su eventi meno rumorosi. O sperare di veder passare Sting o Bono, ma senza lasciarli cantare. 

bsimonelli

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore