/ Attualità

Che tempo fa

Newsletter

Iscrivendomi acconsento al trattamento dei dati personali secondo le norme vigenti.

Cerca nel web

Attualità | mercoledì 17 febbraio 2016, 12:36

Parcheggio pubblico di Limonetto: "Un degrado pagato con i soldi delle Olimpiadi"

Un post polemico comparso sul gruppo Facebook della frazione di Limone Piemonte. Dal Comune rispondono: "E' agibile, viene chiuso solo in bassa stagione, quando chiudono anche il bar e la seggiovia"

Un monito all'elargizione indiscriminata di fondi pubblici a supporto delle stazioni sciistiche: se devono finire così, forse sarebbe meglio risparmiarli.... A chi oggi piange la crisi nera del settore e chiede aiuti va forse dato sostegno, ma solo a ragion veduta e dietro presentazione di strategie concrete e misurabili. Di sicuro mai più a pioggia e senza valutazioni di merito: a dirlo il cuneese Mauro Campo, consigliere regionale dei 5Stelle, che ha condividiso e commentato così un post comparso qualche giorno fa sulla pagina Facebook Limonetto, frazione di Limone Piemonte. 

La questione riguarda il parcheggio interrato vicino alla seggiovia di Limonetto. Costruito nel periodo delle Olimpiadi invernali, nel 2006, si trova nello stato ben illustrato dalle foto allegate, anch'esse pubblicate su Facebook.

Ritraggono il parcheggio in data 11 febbraio 2016, a dieci anni di distanza dall'inaugurazione. "Che serva da monito a chi vorrebbe che continuassero ad essere elargiti soldi dei cittadini per opere faraoniche di dubbia utilità e senza copertura per la manutenzione. Per quanto riguarda le responsabilità ci pensi qualcun altro, noi siamo impegnati a lavorare per pagare i tributi da dare al Comune che a sua volta paga i mutui per questi scempi. Ed i parcheggi esterni sono un mare di fango".

Di altro avviso il Comune: ai Lavori Pubblici ci dicono che il parcheggio è regolarmente in funzione. "Viene chiuso solo in bassa stagione, quando la seggiovia e il bar chiudono, perché bastano i parcheggi in superficie e perché, non tenendo le luci accese, il Comune risparmia". Ricordiamo, tra l'altro, che il parcheggio è a pagamento.

Quanto alla presenza di stalattiti, il signor Merro, che ci risponde dal Comune, si lascia sfuggire: "Era un parcheggio da costruire al mare". Le "finestre" di aerazione sono decisamente troppo grandi per il clima limonese. Entra acqua e l'acqua gela, così come una grondaia pare scarichi praticamente dentro all'interno della struttura. 

Un'albergatrice della zona, sulla questione, ha commentato: "In quel parcheggio, in dieci anni, non è mai stata fatta manutenzione. E' completamente abbandonato, come ogni cosa a Limonetto. E non solo".

bsimonelli

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore