/ Viabilità

Spazio Annunci della tua città

Affittasi trilocale 4/6 posti letto in Residence Blue Marine. Uso degli impianti sportivi piscina tennis bocce palestra...

Km reali iscritta ASI con CRS (possibilita` di pagare meno di assicurazione e dal 2020 tariffa ridotta anche sul bollo)...

(IM) vicinissimo piazza del mercato ampio monolocale mq 35 luminoso con parete mobile per separare zona cucina/notte,...

Marca Orsi 1.22 ottime condizioni telefonare ore pasti

Che tempo fa

Cerca nel web

Viabilità | mercoledì 24 febbraio 2016, 15:30

Linea ferroviaria Asti-Alba e Nizza Monferrato-Alba: che tutti si prendano le proprie responsabilità

Riceviamo e pubblichiamo

Foto generica

Gentile Direttore,

sono probabilmente scattate ore cruciali per capire se e quando i treni torneranno a collegare Asti e Alba, Nizza Monferrato e Alba. La Regione Piemonte sta infatti predisponendo il nuovo programma di trasporti del servizio ferroviario metropolitano, in cui non sembrano comprese le linee del sud Piemonte e molti Sindaci e associazioni stanno producendo un forte pressing sull'assessore regionale Balocco, che sarà a Castagnole Lanze il prossimo 29 febbraio.

E' quindi il momento per dimostrare che il territorio è schierato per la riapertura delle tratte, in una voce alta e unita. Ma i Sindaci di Canelli e Coazzolo, a sorpresa, annunciano la loro asimmetria. Non è la prima volta che l'azione coesa di molti Sindaci e cittadini costringe l'assessore regionale a rispondere ai manifesti bisogni del nostro territorio. E, purtroppo, non è la prima volta che i primi cittadini di Canelli e Coazzolo repentinamente si affannano ad affermare pubblicamente che "tanto la ferrovia non verrà mai più riattivata, dunque meglio ipotizzare la sua sostituzione con una pista ciclabile".

Abbiamo sempre pensato che queste esternazioni, puntualmente esibite quando la logica "di squadra" avrebbe invece imposto di chiedere, innanzitutto, la riapertura delle linee ferroviarie, fossero una dimostrazione di pura e semplice "ingenuità politica". Ma, dato che la situazione incresciosa continua a ripetersi, è ormai evidente che i due Sindaci non desiderano il ritorno del traffico ferroviario nelle loro zone e crediamo sia quindi giunta l'ora che lo dichiarino senza tentennamenti nè ambiguità, una volta per tutte. E ne rispondano "politicamente" di fronte ai loro colleghi, all'intero territorio e ai loro stessi concittadini: che dicano, una volta per tutte, "noi non vogliamo i treni. Invece ci piace l'idea di una pista ciclabile che ne sotterri le tracce. Per sempre!".

Lo chiediamo anche sapendo che la Provincia di Asti ha richiesto a tutti i Comuni che punteggiano le tratte ferroviarie Alba-Asti-Casale Monferrato e Alba-Alessandria di nominare la Provincia di Asti quale "Ente capofila" per un protocollo d’Intesa teso all’elaborazione di uno studio di fattibilità del progetto denominato “Percorso ciclabile Terre dell’Unesco” e per la successiva realizzazione. E chiediamo venga specificato se questo ampio mandato intende lavorare per dotare il territorio di una pista ciclabile in sostituzione delle linee ferroviarie: non essendo specificato, temiamo rappresenti uno "stratagemma" per azzerare ogni chance di riapertura delle linee ferrata. Se, viceversa, lo studio intende valutare l'ipotesi di percorsi per cicloturismo non coincidenti con il sedime ferroviario, ne siamo lieti ma invitiamo la Provincia di Asti a specificarlo nei presupposti di base del protocollo stesso!

Nei giorni scorsi, infine, l'onorevole astigiano Paolo Nicolò Romano del Movimento 5 Stelle ha consegnato una Risoluzione al Governo in cui tratteggia i dati peculiari delle nostre linee ferrovie attualmente sospese (e non soppresse...) e chiede di «mettere in campo ogni iniziativa utile, anche di carattere finanziario, per la immediata riattivazione della linea ferroviaria Asti-Alba e delle altre insistenti nel perimetro dei Paesaggi vitivinicoli del Piemonte delle Langhe-Roero e Monferrato, patrimonio mondiale Unesco, quali l’altrettanto storica e strategica linea ferroviaria Alessandria- Nizza Monferrato - Castagnole delle Lanze - Alba».

Ci auguriamo che la voce del nostro territorio torni ad essere davvero unica e non sprechi l'ennesima occasione propizia. Altrimenti: che ognuno si assuma le proprie responsabilità e che i cittadini ne traggano le debite conseguenze.

Alessandro Mortarino, Forum Salviamo il Paesaggio

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore