/ Saluzzese

Saluzzese | 12 aprile 2016, 07:14

Saluzzo, quattro “velobox”, ma altri due potrebbero arrivare a breve

Due in frazione Cervignasco, uno in Via Torino ed uno in Via Revello. Ma già si pensa, giustamente, ad altri due in Via Roma, così come aveva chiesto il Forzista Dario Miretti

Il "velobox" installato in Via Torino, a Saluzzo

Il "velobox" installato in Via Torino, a Saluzzo

Adesso a Saluzzo i “velobox” – le infernali “scatole areancioni” che posso contenere un autovelox oppure anche no, ma che hanno il chiaro compito di servire da deterrenti - sono addirittura quattro: due a Cervignasco lungo la bisettrice che attraversa la popolosa frazione agricola della città, uno in Via Torino, la strada che conduce al capoluogo regionale, ed uno in Via Revello, la strada che invece risale la Valle Po.

Strade ad alta densità di traffico, percorse spesso a velocità assai più sostenute di non quanto permettano i limiti, e per questo – spesso – teatro di incidenti stradali.

Altri due potrebbero venire installati a breve lungo il pericolosissimo Corso Roma.

Io ne installerei addirittura 4, due in corso XXVII aprile e due in corso Roma, disposti su ambo i lati dei corsi interessati” aveva dichiarato il consigliere comunale di Forza Italia Dario Miretti.

Che, per contro, si era al tempo stesso detto “fermamente contrario al loro posizionamento in frazione Cervignasco, così come hanno invece proposto di fare sia la maggioranza consiliare che i colleghi di minoranza, dove ad essere colpiti finirebbero con l’essere quasi esclusivamente i residenti cui si metterebbero nuovamente ed ulteriormente le mani in tasca”.

Una vittoria a metà, quella del vice coordinatore cittadino della forza di centrodestra.

R.G.

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium