/ Politica

Spazio Annunci della tua città

Pannello solare,Veranda FIAMMA, Portabici FIAMMA 4 canaline, TV e decoder in mobiletto dedicato, Antenna digitale,...

Strepitosa occasione composta da soggiorno più angolo cottura due camere ,,gran terrazzo più grande giardino...

Vendo Guantoni Vandal Pelle Neri da Sacco Taglia L Usati Pochissimo (praticamente nuovi) Posso inviare altro foto ...

Vendo Sacco Punchbag Box Paracolpi Pesante Leather Pro International Professionale Usato Pochissimo (praticamente...

Che tempo fa

Cerca nel web

Politica | mercoledì 14 settembre 2016, 18:14

Renzi: "Ho conosciuto la realtà industriale della vostra provincia: siete i numeri Uno in Italia"

Le prime parole del presidente del Consiglio, dal palco del teatro Toselli di Cuneo

Il premier Renzi al Toselli

Apre l'incontro al Toselli di Cuneo, l'onorevole Chiara Gribaudo che dopo i saluti ed il benvenuto al premier Renzi, passa la parola a senatore Attilio Martino presidente onorario Anpi (Associazione nazionale partigiani d'Italia): "Cari concittadini e partigiani, costituzione appartiene a tutti, a tutte le culture e orientamenti politici. I Padri Costituenti avevano previsto future modifiche. Noi partigiani per il sì crediamo che la riforma migliori la costituzione. Eliminare bicameralismo è un bene per l’Italia".

Il premier Renzi inizia il suo intervento: "Le parole di Martino toccano il cuore. Oggi ho passato la giornata a Cuneo lontano dalle chiacchiere romane. Oscar Farinetti mi ha fatto un trattato filosofico su rapporti Cuneo e Alba. Mi sono ‘sacrificato’ a mangiare la carne piemontese. Ma sono partito dalle scuole. L'Italia ha futuro se riparte dalle scuole. Non c’è regola che tenga rispetto alla stabilità dei nostri figli, prima la sicurezza poi i burocrati. Rispettare sostenibilità ambientale, norme antisismiche.

Mi sono tuffato anche nella realtà industriale della vostra provincia: numero uno in termini di export agroalimentare in Italia, siete i numeri uno. Ho iniziato dalla Ferrero, che compie 70 anni: una pasticceria ad Alba diventata multinazionale in 70 anni. Poi alla Venchi (144 assunzioni con il jobs act) e alla Merlo (1150 persone che con ingegneria costruiscono futuro). Dobbiamo smettere di piangerci addosso. So che fuori c’è difficoltà e dolore, c’è gente che non arriva a fine mese, ma dobbiamo guardare al futuro.

Prima di Expo mi avevano chiesto di bloccare l’evento per scandali, noi invece abbiamo inventato l’autorità nazionale anticorruzione. Ed è stato un successo. Se portiamo avanti il nome dell'Italia e non ci chiudiamo nella paura possiamo farcela".

 

RG

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore