/ Viabilità

Spazio Annunci della tua città

Scooter usato con tettino parapioggia batterie ok funziona tutto con gomme e camera d`aria.

Ducato 160 CV, super accessoriato, 2 condizionatori, gruppo elettrogeno Honda 3 Kw con accensione automatica, pannelli...

Delizioso monolocale a 800 mt dal mare, ideale come seconda casa, completamente arredato con struttura divano letto e...

Causa trasloco vendo stufa in ottime condizioni (usata 3 anni) Vi prego di valutare le caratteristiche sul sito...

Che tempo fa

Cerca nel web

Viabilità | lunedì 21 novembre 2016, 20:43

Viabilità, incrocio tra via Cuneo e Corso IV Novembre: perché non un semaforo intelligente?

Tre consiglieri della minoranza cuneese propongono l'utilizzo del semaforo già esistente, purché venga dotato della capacità di monitorare i flussi di auto e camion

Foto generica

La primavera scorsa, in concomitanza con l'inizio dei lavori in strada Orti e l'istituzione del senso unico lungo questo tratto della strada statale 231 che permette l'entrata e l'uscita dal centro urbano di Bra, anche l'incrocio tra corso IV Novembre e via Cuneo subì delle variazioni: fu bloccato il semaforo e venne imposto l'obbligo di svolta a destra per i veicoli provenienti proprio da corso IV Novembre.

Un obbligo, però, completamente ignorato dalla maggior parte degli automobilisti, che imperterriti hanno continuato e continuano ad oggi a svoltare a sinistra, mettendo a rischio, vista l'alta frequentazione di questo tratto interno alla città della Ss 231, che serve anche come collegamento con l'A33, la Asti-Cuneo, la propria incolumità e quella degli altri.

Improponibile, a parere dei consiglieri di minoranza Roberto Marengo (Somaglia per Bra), Massimo Somaglia e Marco Ellena (Forza Italia), la proposta ventilata dall'Amministrazione comunale, che prevederebbe una rotonda all'incrocio tra via Cuneo e via Montello, mantenendo naturalmente, per corso IV Novembre il divieto di svolta a sinistra e la soppressione definitiva del semaforo.

La costruzione di una nuova rotatoria all'altezza di questo incrocio, dove effettivamente lo spazio è poco e quindi si realizzerebbe una delle tante “rotondine” che già abbondano in città , difficilmente fruibili anche dalle auto, non risolverebbe il problema, soprattutto considerando che il tratto di strada in questione è percorso da numerosissimi mezzi pesanti, compresi quelli di una azienda storica braidese collocata proprio in corso IV Novembre, mezzi di grandi dimensioni che necessitano di un certo spazio per fare manovra.

Soluzione più risolutiva, secondo i tre esponenti della minoranza consiliare, sarebbe quella di riattivare il semaforo già presente, rendendolo “intelligente” cioè in grado di monitorare autonomamente i flussi di auto e camion e di scattare sul verde solo al momento in cui su corso IV novembre ci siano mezzi in attesa.

Questo sistema, pur consentendo la precedenza di transito ai numerosissimi mezzi in transito sulla frequentatissima Ss 231, metterebbe però una regola precisa che tutti sarebbero “obbligati” a rispettare, permettendo la svolta tanto in un senso quanto in quello opposto in via Cuneo.

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore