/ Eventi

Affari & Annunci

vendo banco da officina mt. 4x1,10 h 90cm sega nastro mod. SN212P valex trapano a colonna mod. TR16R valex

L`edificio comprende due alloggi di rispettivamente mq 78 e mq 48 con tre cantine, soffitte ed ingresso in comune, in buonissimo stato, ristrutturato. Al medesimo sono legati...

Graziosi bicchierini da liquore d`epoca con vassoio. - Vendo a € 15,00 - Ritiro della merce in loco o consegna nel raggio di 5 Km. - Per info contattare il n. 340-9157055. - ...

Che tempo fa

Newsletter

Iscrivendomi acconsento al trattamento dei dati personali secondo le norme vigenti.

Cerca nel web

Eventi | martedì 10 gennaio 2017, 15:04

Per il Giorno della Memoria, a Torino si ricordano gli ebrei deportati dal campo di Borgo San Dalmazzo

Giovedì 12 gennaio, in piazzetta Primo Levi, verrà presentato il volume di Adriana Muncinelli ed Elena Fallo "Oltre il nome"

Foto generica

Il 18 dicembre 1943 i nazisti organizzarono a Borgo San Dalmazzo un campo di concentramento per ebrei - attivo fino al 21 novembre - da cui furono deportate 357 persone, di cui 334 stranieri, discesi dopo aver valicato le montagne dalla Francia alle Valle Gesso nei giorni successivi all’8 settembre.

Per non dimenticare, in occasione del Giorno della Memoria, giovedì 12 gennaio alle 21 in piazzetta Primo Levi 12, a Torino, viene presento il volume “Oltre il nome. Storia degli ebrei stranieri deportati dal campo di Borgo San Dalmazzo” di Adriana Muncinelli ed Elena Fallo, edito da Le Chateau.

All’evento, realizzato dalla Comunità ebraica di Torino in collaborazione con l’Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della società contemporanea “Giorgio Agosti” e il Comitato regionale Resistenza e Costituzione, intervengono le autrici e i vicepresidenti della sezione torinese dell’Associazione nazionale ex deportati (Aned) Lucio Monaco e dell’Assemblea legislativa piemontese Nino Boeti, delegato al Comitato.

Il volume, frutto di una ricerca durata nove anni, ricostruisce le vicende individuali e familiari di quegli stranieri, a partire dalle loro località d’origine, oggi sotto ventitre Stati diversi. Dal 2006 - inoltre - un Memoriale ricorda i nomi dei deportati a chi passa alla stazione ferroviaria della città.

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore