/ Curiosità

Spazio Annunci della tua città

Pannello solare,Veranda FIAMMA, Portabici FIAMMA 4 canaline, TV e decoder in mobiletto dedicato, Antenna digitale,...

Mi chiamo Andrea Panarese e sono un libraio antiquario. Acquisto libri antichi in Liguria e dintorni. Mi trovate anche...

Società di trasporti a Torino assume autista di scarrabile e bilico con patentino ADR. Inviare curriculum via mail ...

Strepitosa occasione composta da soggiorno più angolo cottura due camere ,,gran terrazzo più grande giardino...

Che tempo fa

Cerca nel web

Curiosità | mercoledì 11 gennaio 2017, 19:15

Parco fluviale di Cuneo: oltre 2 mila ore di servizio per i 23 volontari

Sono pensionati che hanno deciso di dedicare un po’ di tempo agli altri, aderendo a un programma che il Comune promuove dal 2007

Mentre il Parco fluviale si appresta a compiere i suoi dieci anni, la legge regionale che lo istituisce è infatti del 2007, a far segnare un anniversario altrettanto importante è anche un altro progetto partito proprio in occasione della nascita del Parco, quella dei volontari del Servizio Civico, il cui numero è cresciuto di anno in anno fino ad arrivare agli attuali 23.

I volontari del Parco fanno parte del Servizio Civico “… Non perdere l’occasione” del Comune di Cuneo: sono pensionati che hanno deciso di dedicare un po’ di tempo agli altri, aderendo a un programma che il Comune promuove dal 2007 e che al Parco ha preso piede molto velocemente, arrivando in pochi anni a creare un gruppo numeroso e affiatato.

Un volontariato che, in periodi di penuria di fondi e risorse, diventa ancora più prezioso e determinante per molte realtà, come il Parco ad esempio, e rende possibile attività che diversamente sarebbero troppo onerose.  

Anche nel corso del 2016 i 23 volontari del Parco hanno superato il tetto delle 2000 ore di servizio, un dato che ormai rimane costante da anni, a testimoniare la costanza e l’impegno con cui viene portato avanti, invariato negli anni, i mesi e le stagioni. I volontari del Servizio Civico al Parco svolgono attività di diverso tipo, le più disparate, ognuno cercando di seguire la propria vocazione, specializzazione o area di competenza preferita, ma il loro vero servizio sta nella disponibilità a fare anche altro, a mettersi in gioco nei modi più diversi, quelli che possano servire per consentire il buon esito delle attività del Parco.

È proprio il lavoro di questo “esercito silenzioso”, infatti, che permette al Parco di continuare a portare avanti molte delle sue attività, fornendo un sostegno prezioso, in tempi di carenza di risorse come questi.  

Nella maggior parte dei casi l’impegno dei volontari è settimanale e li impegna mezza giornata. Alcuni, invece, hanno un tipo di servizio a chiamata, in base alle esigenze e alle attività stagionali che è necessario portare avanti nell’area protetta. Quelli svolti dai volontari sono i compiti più disparati, scelti e assegnati anche in base alle loro attitudini, passioni ed esperienze professionali passate. Si va dai sopralluoghi sul territorio e le attività di sistemazione di arredi, segnaletica e percorsi, che assicurano una fruizione del Parco il più possibile agevole e piacevole, fino alla manutenzione, tanto faticosa quanto onerosa, della Casa del Fiume e dell’orto didattico, le due strutture cardine dell’attività didattica del Parco. Poi, decine di altre attività ed occupazioni, dalla distribuzione di materiale informativo e promozionale al supporto durante le manifestazioni, fondamentale in eventi complicati dal punto di vista logistico come “Natale al Parco”, da poco passato e anche quest’anno con un successo di partecipanti invidiabile, o la “Festa del Parco”, fino al presidio di stand informativi e alle più classiche attività d’ufficio, a seconda delle urgenze e delle necessità.

Mansioni che i volontari aiutano a svolgere, coadiuvando il personale del Parco e del Settore Ambiente e Territorio del Comune di Cuneo, gli operatori della Fabbrica dei Suoni, la cooperativa appaltatrice dei servizi educativi e ricreativi del Parco, e i quattro ragazzi del Servizio Civile Nazionale.

Operazioni che contribuiscono a mantenere vivo e in movimento costante il Parco e cercano di avvicinarlo il più possibile alla città e ai cittadini, come fa ad esempio l’attività di presidio sul territorio, con l’obiettivo di fornire una presenza il più possibile costante e che vada a supplire la mancanza di personale di vigilanza dedicato o di figure specifiche come i guardia parco, di cui sono solitamente dotate le altre aree protette.   Per tutto questo il grazie del Parco fluviale e del Comune di Cuneo va a tutti loro: Alberto, Andreina, Bruno, Carla, Carlo, Claudia, Claudio, Dario, Enrico, Ferruccio, Franco, Giancarlo, Gianni, Giovanna, Kanalin, Mario, Michele, Paola, Pino, Renato, Renzo, Rosi e Silvana, con la certezza di poter contare ancora, sempre, su di loro.

Con un ricordo speciale per Adriana, per anni volontaria, ma soprattutto grande amante del Parco e della sua biodiversità, tesoro che nei suoi anni di servizio ha contribuito a valorizzare e difendere con grande passione e tenacia.

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore