/ Attualità

Spazio Annunci della tua città

Libera su 3 lati: camera, sala, bagno, cucina con uscita in giardino. Terreno 13.000 mt bosco castagni e frutteto....

Jordan nato 16/04/2018 magnifico sano cucciolo sverminato ciclo vaccinale completo libretto sanitario e certificazione...

generico settore agricoltura allevamento avicolo a tempo indeterminato azienda agricola del Monferrato (AL) ricerca...

Nel borgo marinaro di Gioiosa Marea e a pochi passi dal mare, pittoresca recentemente ristrutturata. La casa, dotata...

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | sabato 14 gennaio 2017, 19:27

Nuove tecnologie digitali per una scuola al passo con i tempi: al via in Granda il progetto "COntagio RObotico"

La presentazione ufficiale si è tenuta venerdì 13 gennaio: l'ITIS "Mario Delpozzo" è istituto capofila

E’ stato presentato venerdì 13 gennaio nella sala della Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo il progetto “CoRo” [CONTAGIO ROBOTICO] che vede coinvolte l’ITIS Mario Delpozzo come scuola capo-fila, l’IC Cuneo Corso Soleri, l’IC Caraglio, l’IC Chiusa di Pesio-Peveragno, l’IC Sobrero, l’IC di Robilante, il Liceo Peano-Pellico, l’IIS Bianchi-Virginio, l’AFP – Azienda di Formazione di Dronero e il secondo Circolo di Fossano come uditore ai corsi di formazione.

L’obiettivo è la creazione di una scuola nuova al passo con i tempi, che prepari i ragazzi ad affrontare le sfide future utilizzando e sfruttando le nuove tecnologie digitali.

Il progetto CORO, come richiesto dal bando, si appoggia sul precedente “Rete Robotica Educativa Cuneo” , durato dal 2013 al 2016, che prevedeva una formazione triennale dei docenti da parte della Scuola di Robotica di Genova e ha coinvolto i bambini dalla scuola dell’infanzia fino al terzo anno della scuola secondaria di primo grado.

Per l'ITIS la robotica non è stata solo supporto alla didattica, ma vera e propria materia di studio Formazione dei docenti su: Scratch, Arduino, stampante 3D, NAO. Poi ci sono stati gli altri progetti: “Robot al Mercato” (manifestazione di droni, robot marini e mobili, stampanti 3d e tutti i congegni programmabili) e “Robot@Expo” (progetto vincitore del bando MIUR "Diffusione e innovazione scientifica", realizzato In rete con l’IC e Liceo Scienze Umane Piacenza, l’IC Soleri e il Dipartimento di Filosofia e Scienza dell’Educazione dell’Università di Torino).

I punti cardine del progetto “CoRo Contagio Robotico”:

- Creazione di due Poli Formativi Sperimentali perché la didattica innovativa ha bisogno di nuovi spazi, le aule tradizionali vanno bene per una classica lezione frontale in cui c'è una trasmissione verticale della conoscenza, ma se si vogliono far circolare le idee, favorire la cooperazione, ci vogliono ambienti più flessibili; i poli formativi saranno luogo della formazione dei docenti e aperti a tutte le sperimentazioni delle scuole in rete.

Vuole superare alcune criticità emerse dalla precedente esperienza: la formazione fatta da esperti è sicuramente ottima dal punto di vista dei contenuti teorici, ma spesso poi i docenti si sentono un po' abbandonati nel momento in cui devono provare ad applicarla;

- Formazione di tutte le istituzioni nei Poli Sperimentali; Applicazione delle metodologie apprese in ogni istituzione secondo le diverse esigenze. Sono previsti, per i docenti, anni alternati di formazione e sperimentazione in classe con produzione di materiale didattico da condividere;

Il primo appuntamento sarà il seminario WOW tenuto dalla scuola di robotica di Genova, su una nuova metodologia didattica sperimentata a livello europeo per gli anni di alternanza scuola-lavoro: gli Ambienti di apprendimento. Il preside dell’ITIS, dottor Ivan Re, intervistato sull’iniziativa in quanto dirigente della scuola capofila, ha espresso viva soddisfazione per la vittoria del bando e per le innovazioni metodologico-didattiche che presto renderanno l’ITIS “Delpozzo”, un “fiore all’occhiello” della provincia di Cuneo.

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore