/ Attualità

Spazio Annunci della tua città

generico settore agricoltura allevamento avicolo a tempo indeterminato azienda agricola del Monferrato (AL) ricerca...

Nel borgo marinaro di Gioiosa Marea e a pochi passi dal mare, pittoresca recentemente ristrutturata. La casa, dotata...

Frazione Diano Serreta, a soli 3,5 km dalle spiagge in splendida posizione con vista mare, vendesi casa...

Bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili subito un maschio e una femmina solo amanti razza....

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | domenica 22 gennaio 2017, 15:04

Poste e Regione, c'è un accordo: stop alle chiusure degli uffici postali nei piccoli comuni

Firmato protocollo d’intesa tra Poste Italiane, Regione Piemonte e Anci. Chiamparino: “Garantisce l’attuale presenza degli uffici postali nei piccoli comuni piemontesi"

L'ufficio postale di Valdieri

Vicinanza, ascolto, prossimità e ancora inclusione e qualità dei servizi. L’Amministratore delegato di Poste Italiane, Francesco Caio, il presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino e il presidente dell’ANCI Piemonte Andrea Ballarè hanno firmato oggi un Protocollo d’Intesa che ha l’obiettivo di garantire l’attuale presenza capillare di Poste Italiane e di migliorare e ampliare l’offerta ai cittadini valorizzando la rete degli Uffici Postali.

Al centro dell’accordo, che potrebbe fare da apripista ad analoghi interventi in altre Regioni, lo studio e la sperimentazione di soluzioni innovative, a valore aggiunto, nel campo dell’ e-government e dei sistemi di pagamento. Previste anche iniziative congiunte per ridurre il “digital divide”, con l’obiettivo di aiutare tutti i cittadini a usufruire dei vantaggi offerti dalle nuove tecnologie.

I firmatari istituiranno entro trenta giorni un gruppo di lavoro congiunto per individuare e attivare nuovi servizi nel campo dell’identità digitale e nel settore degli incassi, oltre che nei pagamenti e nei servizi di tesoreria, con soluzioni che permetteranno di pagare agevolmente abbonamenti ai servizi pubblici, parcheggi, biglietti, bollo auto, nonché servizi sanitari (per esempio il pagamento dei ticket, la prenotazione visite, referti).

L’obiettivo dei firmatari è di mantenere e valorizzare la capillarità della rete di Uffici Postali assicurando servizi di prossimità ai cittadini dei piccoli comuni e delle aree interne, concretizzando gli obiettivi delineati nel Contratto di Programma 2015-19 tra Poste Italiane e il Ministero dello Sviluppo Economico. L’Amministratore delegato, Francesco Caio, ha sottolineato che “Il protocollo d’intesa con Regione Piemonte e ANCI Piemonte inaugura un modello di collaborazione nell’offerta di nuovi servizi ai cittadini, e permette di individuare modalità e strategie più efficaci in grado di coinvolgere tutto il territorio, compresi i piccoli centri, e tutte le fasce di popolazione, compresi gli anziani, nel passaggio verso la nuova economia digitale”.

Per il presidente della regione Sergio Chiamparino “Il Protocollo d’Intesa, firmato oggi, garantisce l’attuale presenza degli uffici postali nei piccoli comuni piemontesi e apre prospettive importanti di nuovi servizi, anche digitali, per le pubbliche amministrazioni e i cittadini, con riguardo particolare a chi vive in zone disagiate. E’ una strada innovativa che con Poste Italiane e ANCI apriamo qui in Piemonte, con una sperimentazione che pensiamo possa essere utile anche nelle altre regioni.”


“Anche per ANCI Piemonte
- commenta il presidente di ANCI Piemonte Andrea Ballarè - la firma di oggi è un risultato particolarmente importante, soprattutto per i piccoli Comuni. Apprezziamo il lavoro fatto insieme a Poste Italiane e Regione, nella volontà di istituire un gruppo di lavoro congiunto e nella decisione di tenere aperti gli uffici postali nei piccoli Comuni della regione".

cs

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore