/ Curiosità

Spazio Annunci della tua città

(IM) vicinissimo piazza del mercato ampio monolocale mq 35 luminoso con parete mobile per separare zona cucina/notte,...

Marca Orsi 1.22 ottime condizioni telefonare ore pasti

DELTA Gold diesel anno 09/2011 km 87.000 colore blu con cambio automatico 6 marce e con possibilità di usare il cambio...

Nel comprensorio sciistico della Riserva Bianca, a due passi dalla Costa Azzurra, di 100 metri quadrati,...

Che tempo fa

Cerca nel web

Curiosità | domenica 22 gennaio 2017, 17:37

Alberto Isoardi e la sua grande passione per il modellismo: anche il municipio di Stroppo tra le sue numerose creazioni

Prima o poi realizzerà la stazione di Hogsmeade della saga di harry Potter. Una passione nata durante gli anni dell'infanzia, quando Alberto andava con i nonni alla stazione di Saluzzo per guardare i treni merci

Alberto Isoardi è un saluzzese 47enne appassionato di modellismo. E' suo il modello in foto, che riproduce in scala 1/87 il Municipio di Stroppo, paese della Valle Maira.

Alberto da piccolo andava con i nonni o con il papà in stazione, dove passavano anche ore ad ammirare le manovre di composizione dei treni merci, prima con le sbuffanti vaporiere Gr 880, poi con le ben più moderne D 345. "Memorabili e ancora ben chiari nella mia mente alcuni viaggi con le ALn 772 prima, e ALn 668 e 663 poi solo per viaggiare in treno (Airasca e Savigliano le mete)".

Il nonno materno, ex macchinista sui tram a vapore locali prima, e funzionario degli autobus Satip poi, gli regalò per un Natale di inizio Anni '70, una scatola Lima comprendente binari, stazione, un trenino e catalogo: per un bimbetto di allora, una vera manna dal cielo! Da allora, ogni tanto un catalogo o un "pezzo" che si aggiungeva alla piccola collezione, poi le prime elaborazioni insieme ai primi libri e poi le prime riviste specializzate. Con gli anni, le prime mostre, i contatti con associazioni e club vari, alcuni articoli pubblicati su Mondo Ferroviario e successivamente su una rivista russa.

Attualmente Alberto è iscritto iscritto alla Ingenium di Busca, alla SAT di Udine, alla ASN di Pavia e alla GASTT di Padova. "Ho conosciuto validi modellisti che mi hanno dato i loro suggerimenti, che ho cercato di concretizzare in un secondo tempo in alcuni modellini di edifici ferroviari o meno: stazione di Manta, un casello ferroviario ispirato a quello di Verzuolo, il Municipio di Stroppo, la Torre Civica di Saluzzo e diversi diorami vari, alcuni ancora in fase di finalizzazione. E poi i camion della Ditta dove lavoro (Sedamyl, articolo pubblicato su MF) e della Carpani di Villafalletto.
Le idee non mancano, a differenza del tempo!"
, ci racconta. 

Quali sono i materiali con cui realizza i suoi modelli? "Variano sempre: cartoncino o legno, ottone o alpacca, resina stampata a freddo, metallo fuso... Le tecniche sono la fotoincisione, il taglio laser, la stampa in 3D. Il meglio lo si ottiene combinando le varie tecniche e i vari materiali a seconda di quanto si vuol realizzare, senza fossilizzarsi su un solo materiale o una sola tecnica".

Non manca un'attenta ricerca e l'osservazione del soggetto reale. Per i progetti futuri Alberto ha in mente una potente locomotiva diesel da manovra russa, un intero treno italiano e la stazione di Hogsmeade della saga di Harry Potter.

Il modello del municipio di Stroppo è stato immaginato dopo una nottata ventosa d'autunno di inizio anni '80. Ci sono persone al lavoro per riparare i danni provocati dal vento e sono state ricreate alcune scene di vita.

Ma perché il municipio di Stroppo? Per ragioni affettive: "Qui nonno Beppe, il nonno materno, lavorò come segretario comunale per molti anni e qui la nonna paterna, che non ho mai conosciuto, insegnò alle elementari. Non solo, a Stroppo nacquero e vissero qualche anno mio papà e i suoi fratelli e un cugino fece il sindaco".

Il modellino è stato realizzato in legno tagliato al laser; il tetto è un prodotto edil model di Barge mentre i pluviali verticali sono in tubetti di ottone telescopici e le gronde profilati in plastica a forma di "c". Il tempo di lavoro? Incalcolabile, spalmabile in anni, anche perché si tratta di una passione, non di un lavoro, che ha permesso ad Alberto di incontrare moltissime persone, appassionate come lui, e di imparare tanto.

barbara simonelli

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore