/ Saluzzese

Che tempo fa

Cerca nel web

Saluzzese | 15 febbraio 2017, 14:22

Sulla bufala che ha colpito l’Acqua Eva arriva un comunicato ufficiale: “affermazioni destituite di qualunque fondamento”

A distanza di poco più 24 ore dal nostro articolo la Fonti Alta Valle Po prende posizione: “ci riserviamo di tutelare immagine e reputazione in ogni opportuna sede, chiedendo all’Autorità Giudiziaria di identificare gli autori"

Lo stabilimento delle Fonti Alta Valle Po

Lo stabilimento delle Fonti Alta Valle Po

A distanza di poco più 24 ore dalla pubblicazione del nostro articolo sulla bufala legata alla tossicità dell’Acqua Eva, diffusa su WhatsApp, partita da Locri e categoricamente smentita dalla società Fonti Alta Valle Po, arriva oggi un comunicato ufficiale dell’azienda con lo stabilimento in via Roma a Paesana.

La Società Fonti Alta Valle Po – si legge nella nota stampa - ha recentemente appreso che sulla rete internet e tramite l’applicazione telefonica WhatsApp è stata data diffusione alla notizia secondo cui l’Acqua Eva sarebbe prodotto pericoloso per la salute dei consumatori.

Trattasi di affermazioni destituite di qualunque fondamento, che originano da un fatto di cronaca locale avvenuto in Locri, associato suggestivamente e senza alcuna ragione, dagli ignoti autori della “bufala”, al consumo di Acqua Eva.

Fonti Alta Valle Po ribadisce l’elevata qualità e sicurezza dei suoi prodotti e in particolare di Acqua Eva, che prima di essere immessa sul mercato è sottoposta a costanti e accurati controlli da parte di laboratori specializzati e dagli enti preposti alla vigilanza in materia di sicurezza alimentare.

In tale contesto, la Società si riserva di tutelare la propria immagine e reputazione in ogni opportuna sede, chiedendo all’Autorità Giudiziaria di identificare gli autori di tali gravissimi atti di disinformazione”.

Un ulteriore conferma, qualora ce ne fosse ancora bisogno, sulla purezza e sulla qualità dell’acqua: il comunicato è stato pubblicato sull’home page del sito web www.acquaeva.it, preso d’assalto in questi giorni.

Nicolò Bertola

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium