Eventi
martedì 07 marzo 2017, 07:15

Gente di teatro a Sarajevo: il debutto al teatro del Marchesato

Saluzzo, da venerdì 10 marzo la commedia agrodolce di Mattia Magra con il cast de La Macchia Impossibile. E’ la storia di sei giovani alle prese con un corso di recitazione, sullo sfondo della città assediata, in piena guerra civile negli anni ’90. Prenotazione anche via whatsApp.   i

SAluzzo, Teatro del Marchesato, il cast di gente di teatro a Sarajevo

“Gente di teatro a Sarajevo”: lo spettacolo debutta venerdì 10 marzo alle 21, al teatro del Marchesato portato in scena dal cast della Compagnia “La Macchia Impossibile” con la voce narrante di Christian La Rosa, reduce dal recente successo al Piccolo di Milano, nel ruolo del protagonista Pinocchio.

Gli autori  della pièce Gessica Racca e Mattia Magra nelle vesti anche di regista, trasporteranno gli spettatori nel teatro della Porta Verde, un piccolo teatro di Sarajevo che potrebbe essere proprio quello in cui si trovano a vedere lo spettacolo, in piazza Vineis 11.

Qui si svolge la storia di sei giovani che iniziano a frequentare un corso di recitazione. “Ciascuno ha le sue motivazioni e la sua vita privata– descrive il regista - ma quando si è al corso il mondo esterno svanisce e ci sono solo loro, che tra una battuta e l’altra imparano a conoscersi e a conoscere il teatro.”.  

Tutto normale dunque come in un normale corso di recitazione, in cui si impara l’arte del palcoscenico, tra dinamiche divertenti e momenti di contatto con i grandi del teatro, come Shakespeare, Cechov, Oscar Wilde, Euripide che il pubblico potrà apprezzare. Però siamo a Sarajevo nel 1992 e, questo cambia tutto.

Siamo nell’episodio centrale della guerra civile nell’ex Jugoslavia, che vide l’assedio della città durato 4 anni. Un conflitto sanguinoso, molto vicino geograficamente, ma di cui si conosce poco.

E allora assurdamente gli amici diventano nemici, la libertà non esiste più- racconta il regista -  Il mondo “entra” nel piccolo e simpatico teatro, scuotendo tutto quanto si era creato con grande fatica. Ha senso continuare a “recitare”? Continuare a volere uno spiraglio  di normalità?.

La commedia dal testo agrodolce, vede anche quest’anno in scena un cast di giovani, ma alle prese con un tema più  complesso rispetto al precedente di Mattia Magra (“Storie di universitaria follia”) un testo che vuol far incrociare l’ultima guerra europea di cui si conosce l’eco e ciò che ha determinato negli animi delle persone.

Sono parte della pièce i video che raccontano l’esterno, ma per anche istantanee di vita degli attori fuori dal teatro.

Sul palcoscenico nei vari personaggi  il cast di 8 attori: Aska, insegnante del corso di teatro Leonora Arnolfo: Milos, allievo del corso Maurizio Ballatore; Ajla, allieva del corso Francesca Fraire; Goran, allievo del corso e amico di Nikola Mattia Magra; Jelena, allieva del corso Gabriella Pereyra; Sebina, allieva del corso Luana Pes; Nikola, allievo del corso e amico di Goran Matteo Rosso. Dolya, attrice Laura Sassone, direttore della Compagnia La Macchia Impossibile.

Narratore Christian La Rosa, Assistente alla regia Gessica Racca, Luci e suoni: Franco Carletti.

Dopo il debutto venerdì 10 marzo "Gente di teatro a Sarajevo" va in replica sabato 11 marzo sempre alle 21; venerdì 17, sabato 18, domenica 19, venerdì 24, sabato 25 marzo alla stessa ora.

Prenotazioni anche via  whatsApp 333 6979063 - biglietto intero 8 euro. info@teatrodelmarchesato.it www.teatrodelmarchesato.it

Vilma Brignone

Ti potrebbero interessare anche:
SU