/ Saluzzese

Spazio Annunci della tua città

(IM) vicinissimo piazza del mercato ampio monolocale mq 35 luminoso con parete mobile per separare zona cucina/notte,...

Marca Orsi 1.22 ottime condizioni telefonare ore pasti

DELTA Gold diesel anno 09/2011 km 87.000 colore blu con cambio automatico 6 marce e con possibilità di usare il cambio...

Nel comprensorio sciistico della Riserva Bianca, a due passi dalla Costa Azzurra, di 100 metri quadrati,...

Che tempo fa

Cerca nel web

Saluzzese | mercoledì 15 marzo 2017, 14:33

Due incendi boschivi in tre giorni sulle alture di Bagnolo Piemonte (FOTO)

Giornate di lavoro per i volontari della locale squadra Anti Incendi Boschivi e per i Vigili del fuoco di Barge

Le operazioni di spegnimento degli incendi di questa mattina e di lunedì notte

Giornate di lavoro, in valle Infernotto, per gli uomini del gruppo Anti Incendi Boschivi di Bagnolo Pimonte e per i Vigili del fuoco volontari di Barge.

Nelle ultime 36 ore si sono infatti registrati due incendi boschivi.

Il primo, nella notte a cavallo tra lunedì e martedì, ha interessato le alture a lato della strada che conduce al monastero cistercense di Pra ‘dMill.

Le fiamme (pare di origine dolosa) sono state estinte in tempo da Aib e pompieri, prima che il fronte di fuoco acquistasse dimensioni elevate e difficili da domare.

Poco fa, invece, intorno alle ore 12, un nuovo rogo è stato segnalato in località Villaretto: in questo caso, invece, le dimensioni dell’incendio erano leggermente maggiori, dal momento che le fiamme hanno interessato anche una pineta.

Fortunatamente però l’intervento tempestivo dei volontari Aib e Vigili del fuoco hanno evitato l’espandersi del rogo.

Tutti e due gli interventi sono durati, mediamente, circa due ore.

Ricordiamo – dicono dalla squadra Aib di Bagnolo Piemonte - che accendere fuochi in zona boschiva in questo periodo è pericoloso, dato il lungo periodo di siccità”.

Nicolò Bertola

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore