/ Eventi

Che tempo fa

Newsletter

Iscrivendomi acconsento al trattamento dei dati personali secondo le norme vigenti.

Cerca nel web

Eventi | lunedì 20 marzo 2017, 15:03

Bra: incontro con Paolo Maccagno a Palazzo Traversa

Il nuovo lavoro dell'antropologo e podista, "Lungo leto. Maratona e pratica del limite", si terrà al 1° aprile alle 17

Foto generica

“La storia dell'umanità inizia con i piedi”, scriveva nel 1964 l’antropologo e archeologo André Leroi-Gourhan. Di piedi e di maratone, ma anche di evoluzione, limiti e diversità si parlerà sabato 1 aprile, alle 17 al museo di arte, storia e archeologia di Palazzo Traversa a Bra, nell’ambito della conferenza tenuta da Paolo Maccagno, antropologo, runner e ricercatore del Department of Anthropology dell’University of Aberdeen, in Scozia. Durante l’incontro Maccagno presenterà il suo libro “Lungo lento. Maratona e pratica del limite”.

Questo è un libro sull’umano e sui suoi limiti – si legge nella recensione del volume - . Il suo ritmo è quello lento della maratona, che assomiglia a un’esplorazione di possibilità, assomiglia all’evoluzione. Solo due milioni di anni fa, e solo con il genere Homo, inizia la crescita dell’encefalo. Ben prima, l’innovazione che ci fece divergere da tutte le altre grandi scimmie scaturì dai piedi e dalla loro meccanica. Precisamente, dalla postura bipede: un’invenzione formidabile, ma anche imperfetta, come spesso accade nell’evoluzione.

L’appuntamento al museo, organizzato in collaborazione con l'associazione culturale "Amici dei Musei", è ad ingresso libero fino esaurimento posti. Gli incontri a Palazzo Traversa proseguiranno anche la settimana successiva, mercoledì 5 aprile alle 20.45, con “L'incoronazione di Dario. Dramma per musica in tre atti di Antonio Vivaldi”, guida all’ascolto e conversazione con Gastón Fournier-Facio, direttore artistico del Teatro Regio di Torino.

Maggiori informazioni allo 0172.423880.

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore