/ Agricoltura

Spazio Annunci della tua città

Mi chiamo Andrea Panarese e sono un libraio antiquario. Acquisto libri antichi in Liguria e dintorni. Mi trovate anche...

Società di trasporti a Torino assume autista di scarrabile e bilico con patentino ADR. Inviare curriculum via mail ...

Strepitosa occasione composta da soggiorno più angolo cottura due camere ,,gran terrazzo più grande giardino...

Coldelite 3002 RTX, 12 pozzetti, attrezzature Officine bano, Frigoriferi ISA BT e TN da 700 lt, Montapanna Carpegiani...

Che tempo fa

Cerca nel web

Agricoltura | venerdì 21 aprile 2017, 17:31

PAC 2017: sempre più complicato presentare domanda, servono interventi urgenti

Confagricoltura Cuneo torna a segnalare i disagi per le aziende agricole e gli operatori CAA

“Dopo decenni di Politica Agricola Comune, prevista fin dai trattati istitutivi dell’Unione europea, ci ritroviamo a fare i conti con un sistema che non funziona e va completamente ripensato. Da più parti ci sentiamo dire che ogni evoluzione e cambiamento è pensato nell’ottica di migliorare il processo di presentazione delle domande, purtroppo però la realtà è tutta un’altra. A causa di problemi di natura burocratica, informatica e procedurale, infatti, ci troviamo di fronte e un sistema altamente incerto e a farne le spese sono le aziende e i nostri operatori, che devono fornire assistenza”. Il presidente di Confagricoltura Cuneo, Enrico Allasia, rimarca ancora una volta le difficoltà e i disagi che sta vivendo il settore, alle prese con la compilazione delle domande PAC entro il 15 maggio.

“Una proroga del termine di presentazione è quanto mai necessaria, ma non è sufficiente a risolvere tutti i problemi, servono interventi urgenti – riprende il presidente Allasia –. Da tempo, ormai quotidianamente e durante numerosi incontri organizzati sul territorio, cogliamo il malumore e la preoccupazione delle aziende per l’incertezza delle domande Pac. Ci siamo attivati, sia a livello locale che a livello nazionale, in tutte le sedi opportune per risolvere ciò che ancora non funziona, ma in questa situazione è veramente complesso fornire delle risposte puntuali, che non vengano stravolte un attimo dopo”.

In generale, l’Unione europea elabora le norme e detta le linee guida della Pac, Agea (Agenzia per le erogazioni in Agricoltura) le recepisce a livello nazionale e le trasmette a sua volta ad Arpea, l’Agenzia regionale piemontese per le erogazioni in agricoltura. Da queste derivano, a loro volta, le procedure previste dai sistemi informatici SIN (nazionale) e CSI (regionale) con cui gli operatori dei Centri di Assistenza Agricola (CAA) devono interfacciarsi. In tutti questi passaggi, tuttavia, le cose si complicano e si inceppano a causa di malfunzionamenti, perlopiù dei software, e per la mancanza di istruzioni certe. A peggiorare ancora di più il quadro, quest’anno si è messa la ‘modalità grafica’ richiesta per la compilazione delle domande di aiuto della Pac. Confagricoltura Piemonte, su questo fronte, ha chiesto alla Regione e ad Arpea di poter gestire le Domande Uniche anche in modalità alfanumerica, per garantire alle aziende la presentazione delle loro istanze. L’aggiornamento dei fascicoli aziendali in ‘modalità grafica’, infatti, è in alcuni casi praticamente impossibile; ma la predisposizione corretta dei fascicoli aziendali è, però, la base per poter accedere anche ad altre misure, come quelle agroambientali del Psr o il bando ristrutturazione vigneti, ad esempio.

“Purtroppo siamo alle solite – conclude Allasia -, la Pubblica amministrazione chiede collaborazione e dialogo, ma non li garantisce nella stessa misura ai cittadini che se sbagliano, anche solo di poco, vengono severamente puniti o ripresi. Noi chiediamo maggior rispetto per l’agricoltura italiana, che per riuscire a competere sui mercati necessita soprattutto di un sistema di norme e procedure che funzioni. Altrimenti le straordinarie potenzialità del nostro Made in Italy, non saranno mai sfruttate a dovere”.

cs

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore