/ Attualità

Spazio Annunci della tua città

Mi chiamo Andrea Panarese e sono un libraio antiquario. Acquisto libri antichi in Liguria e dintorni. Mi trovate anche...

Società di trasporti a Torino assume autista di scarrabile e bilico con patentino ADR. Inviare curriculum via mail ...

Strepitosa occasione composta da soggiorno più angolo cottura due camere ,,gran terrazzo più grande giardino...

Coldelite 3002 RTX, 12 pozzetti, attrezzature Officine bano, Frigoriferi ISA BT e TN da 700 lt, Montapanna Carpegiani...

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | venerdì 21 aprile 2017, 10:07

Due nuovi brand in arrivo alla Diageo di Santa Vittoria d'Alba: salvi 60 posti di lavoro

Antonio Bastardi della Fai Cisl: “Un primo passo, ma il nostro obiettivo è salvare tutti i posti di lavoro”. Cirio: "Quando si interagisce con delle multinazionali l’attività di mediazione che può essere fatta a Bruxelles è fondamentale"

Nuovo piano industriale per la Diageo di Santa Vittoria d’Alba presentato nel pomeriggio di ieri, giovedì 20 aprile, a seguito dell’annuncio del trasferimento del reparto imbottigliamento vino in Inghilterra. Trasferimento che nel mese di ottobre aveva destato preoccupazione per 120 maestranze albesi oltre ad un’uscita di volumi di 6 milioni dallo stabilimento.

 Il colosso mondiale che si occupa della produzione e imbottigliamento di alcolici e superalcolici – tra i marchi trattati Pampero, Johnnie Walker, Guiness, Smirnoff, Gordon’s –  aveva comunicato nei mesi scorsi l’intenzione di mantenere il sito di Santa Vittoria in modo da costituirne un polo strategico.

Nel nuovo piano strategico la Diageo ha comunicato l’arrivo di 4 milioni  e mezzo di casse provenienti da altri volumi di tipo “spirit” che per il 70% saranno costituiti da due importanti brand distribuiti a livello globale. Si tratta della vodka “Ciroc” e il rum “Capitan Morgan”. Il restante 30% sarà costituito da altri volumi.

In questo modo i lavoratori in esubero - secondo le organizzazioni sindacali - si dimezzeranno (da 120 a circa 60) che le sigle Flai Cgil, Fai Cisl, Uila Uil e Ugl intenderanno gestire probabilmente con ammortizzatori sociali, ma i dettagli andranno definiti nei prossimi incontri (il primo dei quali programmato per martedì 9 maggio in Confindustria a Cuneo).

Intanto lunedì 24 aprile a Bruxelles, l’eurodeputato Alberto Cirio insieme al sindaco di Santa Vittoria d’Alba Giacomo Badellino, incontrerà i vertici europei della Diageo: il direttore delle relazioni istituzionali per l’Europa, Dan Mobley, e Dirk Van Ham, referente per Nord Europa e Mediterraneo.

"Quando si interagisce con delle multinazionali l’attività di mediazione che può essere fatta a Bruxelles è fondamentale, perché consente di parlare direttamente con i vertici - spiega Alberto Cirio - Io avevo ricevuto questo mandato dall’assemblea dei lavoratori e finalmente l’azienda ci ha dato la notizia che aspettavamo da tempo e a cui lavoriamo da mesi. Questa importante anticipazione, che sarà maggiormente dettagliata nell’incontro di lunedì a Bruxelles, ci ha confermato che Diageo reputa strategico lo stabilimento di Santa Vittoria e che, grazie ad una nuova logistica interna, verrà garantito lavoro alla sua linea di imbottigliamento. Numerosi prodotti della linea alcolici, attualmente imbottigliati in Scozia, verranno infatti imbottigliati in Piemonte. Erano a rischio 120 posti di lavoro, oggi sappiamo che più della metà saranno garantiti e che anche per gli altri l’azienda sta mettendo in campo tutto il possibile per tutelare il patrimonio umano e professionale dei dipendenti di Santa Vittoria d’Alba".

“Il nostro obiettivo è salvare tutti i posti di lavoro” – commenta Antonio Bastardi della Fai Cisl - “Un primo passo per salvaguardare gli interessi dello stabilimento e dei 430 lavoratori di Santa Vittoria d’Alba. Le organizzazioni sindacali e le rsu dello stabilimento porteranno avanti questa strategia di voler salvare tutti e il percorso sia a livello sindacale che come Rsu si farà sempre a fianco dei lavoratori.”

A seguito dell’incontro del 9 maggio sarà indetta dalle organizzazioni sindacali un’assemblea con i lavoratori.

daniele caponnetto

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore