/ Attualità

Spazio Annunci della tua città

Mi chiamo Andrea Panarese e sono un libraio antiquario. Acquisto libri antichi in Liguria e dintorni. Mi trovate anche su facebook (Andrea Panarese zona Savona). Acquisto anche...

Società di trasporti assume autista professionista di bilico con patentino ADR. Inviare curriculum via mail

appartamento ammobiliato a Vigna, frazione di Chiusa di Pesio, vicinissimo a Cuneo e circa 20 km da Mondovà¬. a pochi minuti da Lurisia,adesso collegata con tutto il comprensorio...

Che tempo fa

Newsletter

Iscrivendomi acconsento al trattamento dei dati personali secondo le norme vigenti.

Cerca nel web

Attualità | venerdì 21 aprile 2017, 11:31

Etichetta d'origine obbligatoria per latte e formaggi, Andrea Olivero: "Tocca ai consumatori diventare arbritri della qualità""

Il viceministro commenta l'approvazione del provvedimento, scattato il 19 aprile e che consentirà un rapporto nuovo e trasparente tra produttori e consumatori

Il viceministro Andrea Olivero

Da mercoledì 19 aprile, in Italia è obbligatoria l’indicazione chiara, visibile e facilmente leggibile in etichetta dell’origine della materia prima su tutte le confezioni dei prodotti lattiero caseari. 

Dovranno essere utilizzate due tipi di scritte: “Paese di mungitura”, cioè il nome del Paese nel quale è stato munto il latte; “Paese di condizionamento o trasformazione”, cioè il nome del Paese in cui è stato condizionato o trasformato il latte per ottenere il prodotto. Nel caso in cui il latte o il latte usato come ingrediente nella preparazione sia stato munto, trasformato e confezionato nella stessa nazione si può indicare una solo dicitura: ad esempio “Origine del latte: Italia”.

Se le fasi di confezionamento e trasformazione si svolgono sul territorio di più Paesi, diversi dall’Italia, è possibile usare le scritte: “Latte di Paesi UE” se la mungitura avviene in uno o più Paesi europei; “Latte condizionato o trasformato in Paesi UE”, se il lavoro si svolge in uno o più Paesi europei. Quando l’operazione viene effettuata al di fuori dell’Unione Europea, bisogna utilizzare la dicitura “Paesi non UE”. Dall’obbligo sono esclusi i prodotti Dop e Igp i cui disciplinari già prevedono l’origine e la tracciabilità del latte fresco. 

Per l’Italia - osserva il viceministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, Andrea Olivero - si tratta di un obiettivo storico, che permette di creare un nuovo e importante rapporto tra produttori e consumatori. Nell’ottica della massima informazione e trasparenza. Un percorso capace di tutelare il Made in Italy e il lavoro dei nostri allevatori, facendo crescere una vera e propria cultura del cibo. Una sperimentazione che ci auguriamo possa diventare lo standard europeo. Su questo fronte continueremo a collaborare con la Commissione Ue per rafforzare sempre di più gli strumenti disponibili in grado di affermare la qualità.

Cosa significa l’etichettatura per le tante produzioni di eccellenza del Piemonte e della provincia di Cuneo? “E’ un passo ulteriore sulla strada della valorizzazione dei prodotti di qualità, che da noi non mancano. L’etichettatura impegna ancor di più gli allevatori ad assicurare un prodotto di alto livello, ma insieme garantisce che nessuno possa richiamare l’eccellenza del nostro Paese comprando il latte da altre parti. Proprio i nostri allevatori, alcuni mesi fa, ci avevano chiesto questa misura, che oggi è legge. Ora tocca ai consumatori informarsi e diventare arbitri della qualità sul mercato con le loro scelte quotidiane.

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore