/ Attualità

Spazio Annunci della tua città

Scooter usato con tettino parapioggia batterie ok funziona tutto con gomme e camera d`aria.

Ducato 160 CV, super accessoriato, 2 condizionatori, gruppo elettrogeno Honda 3 Kw con accensione automatica, pannelli...

Delizioso monolocale a 800 mt dal mare, ideale come seconda casa, completamente arredato con struttura divano letto e...

Causa trasloco vendo stufa in ottime condizioni (usata 3 anni) Vi prego di valutare le caratteristiche sul sito...

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | mercoledì 03 maggio 2017, 07:40

Rittana: in borgata Paraloup si inaugura il viaggio della "carovana italiana per i diritti dei migranti, la dignità e la giustizia"

Appuntamento ufficiale alle 15 di sabato 6 maggio

Foto generica

In previsione dell’imminente partenza della 3^ Carovana italiana per i diritti dei migranti, la dignità e la giustizia, sabato 6 maggio alle ore 15, presso la borgata Paraloup (Rittana - Cuneo) si terrà l'inaugurazione del viaggio che dal 13 al 28 maggio percorrerà l’Italia, dal Piemonte alla Sicilia, trattando della tematica delle migrazioni provocate da gravi problematiche ambientali con l’intento di creare connessioni tra il bacino del Mediterraneo ed il Sudamerica.

In un’epoca di politiche globali che mirano all'isolamento degli individui ed alla difesa dei confini, il gruppo di CarovaneMigranti tenta di favorire le pratiche di interlocuzione e scambio tra realtà di lotta e resistenza. È in questa dimensione che si colloca la pratica del viaggio che, oltre a dar voce a storie che sarebbero inevitabilmente destinate all'oblio, permette di consolidare rapporti di collaborazione, solidarietà e condivisione delle buone pratiche di difesa dei diritti umani ed ambientali. 

Con queste premesse, non poteva che nascere una bella amicizia tra il gruppo CarovaneMigranti e la Fondazione Nuto Revelli, unite nel comune obiettivo di diffusione degli ideali di pace, democrazia e libertà. 

Nella giornata di sabato, attraverso una testimonianza video conosceremo María Toma Toma, laureata sulle tematiche dell'agricoltura sostenibile nella prima Università Indigena Ixil del Guatemala. Inoltre, a denuncia della drammatica situazione ambientale e sociale dell'Argentina causata dall'uso dell'erbicida glifosato e dalle coltivazioni della soia transgenica, verrà presentato il reportage di Pablo Ernesto Piovano “El caso umano de los agrotoxicos”, proposto nel corso dell'edizione 2015 del Festival della fotografia etica di Lodi.

A consolidamento di una collaborazione di lungo termine, all'incontro parteciperà anche il gruppo ACMOS con la presentazione del campo estivo che si terrà nel mese di luglio a Boves e che verterà sulla tematica del rapporto tra Uomo e Natura.

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore