/ Saluzzese

Spazio Annunci della tua città

Delizioso monolocale a 800 mt dal mare, ideale come seconda casa, completamente arredato con struttura divano letto e...

Causa trasloco vendo stufa in ottime condizioni (usata 3 anni) Vi prego di valutare le caratteristiche sul sito...

Pannello solare,Veranda FIAMMA, Portabici FIAMMA 4 canaline, TV e decoder in mobiletto dedicato, Antenna digitale,...

Strepitosa occasione composta da soggiorno più angolo cottura due camere ,,gran terrazzo più grande giardino...

Che tempo fa

Cerca nel web

Saluzzese | giovedì 18 maggio 2017, 15:30

Come cambieranno, dopo l’11 giugno, i Consigli comunali di Barge e Bagnolo: gli effetti della “Legge Delrio”

Si passa da 10 a 12 consiglieri; 4 assessori in Giunta, che dovranno essere due uomini e due donne

Immagine generica

Con la chiamata alle urne per le elezioni amministrative dell’11 giugno, a Barge e Bagnolo Piemonte cambierà anche la composizione dei Consigli comunali.

Il numero di consiglieri, escluso il sindaco, passerà da 10 a 12, così come previsto dalla legge 56 del 7 aprile 2014, meglio conosciuta come la “Legge Delrio”.

Quattro gli assessori che comporranno la Giunta comunale, anche in questo caso senza contare il sindaco: l’esecutivo potrà anche contare sull’appoggio di assessori esterni, normati dallo statuto del Comune.

All’interno della Giunta, poi, “nessuno dei due sessi può essere rappresentato in misura inferiore al 40 per cento, con arrotondamento aritmetico”: nel caso di Barge e Bagnolo Piemonte ciò significa che vi dovranno essere due assessori per ciascun sesso.

Quelle di giugno saranno anche le prime elezioni dove sarà attuata la legge 215 del novembre 2012 (le precedenti amministrative si erano tenute a maggio 2012), la norma che incentiva la parità di genere nelle istituzioni municipali.

Il decreto viene attuato solo nei comuni al di sopra del 5000 abitanti, e prevede che l’elettore ha la facoltà di esprimere sino a due preferenze (anziché una) sulla scheda, a condizione che i candidati votati siano di sesso diverso. Bisognerà, insomma, dare una preferenza ad un uomo e una ad una donna.

Nel caso i voti siano dati a due candidati dello stesso sesso, la seconda preferenza sarà ritenuta nulla.

Si tratta della stessa legge che prevede, in fase di composizione delle liste, che i candidati di un sesso non possano superare i due terzi del totale: la norma, nei primi anni di attuazione, ha comportato un incremento del 38,8% della presenza femminile nelle amministrazioni comunali.

Alle urne di Barge saranno chiamati in 7108, di cui 3467 uomini e 3641 donne.

Ai seggi di Bagnolo Piemonte, invece, gli aventi diritto sono 5039, 2477 uomini e 2562 donne.

Nicolò Bertola

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore