/ Curiosità

Spazio Annunci della tua città

Pannello solare,Veranda FIAMMA, Portabici FIAMMA 4 canaline, TV e decoder in mobiletto dedicato, Antenna digitale,...

Mi chiamo Andrea Panarese e sono un libraio antiquario. Acquisto libri antichi in Liguria e dintorni. Mi trovate anche...

Società di trasporti a Torino assume autista di scarrabile e bilico con patentino ADR. Inviare curriculum via mail ...

Strepitosa occasione composta da soggiorno più angolo cottura due camere ,,gran terrazzo più grande giardino...

Che tempo fa

Cerca nel web

Curiosità | giovedì 18 maggio 2017, 20:34

Il Lux di Busca protagonista di un 'corto' che sarà presentato al Festival di Venezia

Le riprese domenica 21 maggio, a cura dell'Officina della Comunicazione di Bergamo

Il cinema Lux sarà uno dei tre protagonisti del cortometraggio sulle “Sale della Comunità”, così sono chiamati i cinema parrocchiali, che sta realizzando l'Officina della Comunicazione di Bergamo, partner della tv vaticana e artefice di diversi programmi trasmessi sulla Rai. Le riprese saranno effettuate domenica prossima, 21 maggio.

Il video, di  circa 10 minuti, sarà proposto alle oltre mille sale sparse per l'Italia. Oltre la cinema parrocchiale buschese, che festeggia i 60 anni dalla nascita, il cinema Don Zucchini di Cento (Ferrara) e il cine-teatro Lux di Camisano Vicentino.

Il cortometraggio sarà presentato in anteprima alle giornate nazionali della Sale della Comunità (SdC days), in prorgamma a giugno ad Ascoli Piceno, e trasmesso integralmente alla 73ma Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, all'hotel Excelsior, nel prossimo settembre.

“Per il Lux e la città di Busca – dice il sindaco Marco Galloc’è di che essere orgogliosi. Il merito va diviso fra tanti, a cominciare dalla Parrocchia, che lo costruì, per volontà di uno dei parroci più lungimiranti ed amati, don Chiaffredo Perano, nel 1957, inaugurandolo l’8 dicembre di quell’anno. L’ente religioso lo ha mantenuto sempre attivo in tutti questo tempo, rinnovandolo e ammodernandolo, e quando, pochi anni fa, la sala rischiò la chiusura, perché c’era la necessità di rinnovare il sistema di proiezione, sono stati i buschesi a promuovere, insieme al Comune, una raccolta di fondi per non far venir meno questo importante luogo di cultura, che ospita non soltanto proiezioni cinematografiche, ma  anche opere teatrali, spettacoli ed eventi scolastici ed è da sempre la casa della compagnia filodrammatica cittadina El cioché. Deve essere poi ringraziata l’associazione, il cineclub Méliès, che gestisce attualmente la sala con grande passione e competenza”.

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore