/ Attualità

Spazio Annunci della tua città

Pannello solare,Veranda FIAMMA, Portabici FIAMMA 4 canaline, TV e decoder in mobiletto dedicato, Antenna digitale,...

Mi chiamo Andrea Panarese e sono un libraio antiquario. Acquisto libri antichi in Liguria e dintorni. Mi trovate anche...

Società di trasporti a Torino assume autista di scarrabile e bilico con patentino ADR. Inviare curriculum via mail ...

Strepitosa occasione composta da soggiorno più angolo cottura due camere ,,gran terrazzo più grande giardino...

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | venerdì 19 maggio 2017, 19:01

Vanina Carta, nuova presidente del Consorzio dei Vini Doc Colline Saluzzese

L’elezione ieri dopo l’assemblea. Vicepresidente Andrea Fornero. Il Consorzio, 12 aziende, lavorerà al consolidamento della produzione e sulla comunicazione. "Il consumatore cerca le particolarità enologiche: è il nostro momento"

Vanina Carat dell'azienda agricola Cascina Melognis- foto Luca Privitera

"Sono onorata dell’incarico – afferma Vanina Carta, nuova presidente del Consorzio di Tutela dei Vini Doc Colline saluzzesi.

Vanina Carta titolare dell’omonima azienda agricola che coltiva 3 ettari di vigneti sulle colline di Revello e Saluzzo e i cui vini sono commercializzati sotto il marchio di Cascina Melognis è stata eletta ieri sera (giovedì 18 maggio) nell’assemblea del Consorzio.  

Alla vicepresidenza arriva il costigliolese Andrea Fornero, figlio d’arte e giovane produttore.

Entrambi gli eletti sono delle new entries, poiché nessuno dei due aveva mai ricoperto cariche elettive all’interno del Consorzio, composto attualmente da 12 aziende (viticole e vitivinicole) dislocate tra i comuni di Busca, Costigliole, Verzuolo, Manta, Saluzzo, Revello, Castellar e Brondello.

Vanina Carta succede a Marco Occelli, altra giovane leva del Consorzio e titolare dell’azienda Produttori Pelaverga Castellar.

Presidente e vicepresidente lavoreranno con l’ausilio e all’interno del Comitato Direttivo, di cui fanno parte anche lo stesso Marco Occelli, Emidio Maero, Serena Giordanino e Gianfranco Devalle.

“Tra gli obiettivi del prossimo triennio - sottolinea  la  presidente - il consolidamento della produzione e della reputazione dei vini DOC Colline Saluzzesi, l’affermazione degli stessi nell’ambito del paniere dei prodotti del Monviso e l’elaborazione di una strategia comune di evoluzione e, in particolare, di comunicazione del valore di prodotti che possono contare su una grande e antica tradizione.

Proprio su una nuova comunicazione è necessario puntare, attraverso un'operazione costante e puntuale e capillare, usando i nuovi mezzi di comunicazione, i canali social e con una nostra presenza più marcata sul territorio nelle vetrine più prestigiose dello stesso. 

La nostra è una realtà di nicchia e bisogna cercare di puntare su un consumatore che cerca le  particolarità enologiche. Questa è proprio l'ultima tendenza del mercato: quindi è il momento".

Il 2017 segna, inoltre, una ricorrenza speciale per il Consorzio, dal momento che vede l’uscita in commercio delle annate 2016, anno del Ventennale della Doc".

Non è la prima volta che una donna diventa presidente del Consorzio di Tutela dei Vini DOC Colline Saluzzesi, poiché una decina di anni fa la carica toccò a Lidia Borretta.

Nel Saluzzese, le cui fortune enologiche tanto devono alla lungimiranza di Margherita di Foix, una consistente e importante componente femminile nel Consorzio rappresenta un segno di continuità che fa ben sperare per la crescita dei vini e in particolare di quelli basati sui vitigni autoctoni propri dell’antico Marchesato: Quagliano, Chatus, Pelaverga.

V.B.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore