/ Scuole e corsi

Spazio Annunci della tua città

Mi chiamo Andrea Panarese e sono un libraio antiquario. Acquisto libri antichi in Liguria e dintorni. Mi trovate anche...

Società di trasporti assume autista professionista di bilico con patentino ADR. Inviare curriculum via mail

Coldelite 3002 RTX, 12 pozzetti, attrezzature Officine bano, Frigoriferi ISA BT e TN da 700 lt, Montapanna Carpegiani...

Grazioso bilocale comodo piste,soleggiato,4 posti letto max,dotato di balcone,ascensore, riscaldamento...

Che tempo fa

Newsletter

Iscrivendomi acconsento al trattamento dei dati personali secondo le norme vigenti.

Cerca nel web

Scuole e corsi | venerdì 19 maggio 2017, 18:18

La Banca di Cherasco premia i giovani meritevoli

L’Istituto Cheraschese eroga borse di studio al territorio

Quando l’attenzione al territorio si traduce in azioni concrete a favore degli studenti meritevoli, ecco che si generano reali opportunità; come ad esempio con le Borse di studio per programmi estivi di Banca di Cherasco Credito Cooperativo e Fondazione Intercultura, vinte quest’anno da tre studentesse della provincia di Cuneo, che partiranno per vivere e studiare durante l’estate in Danimarca, negli Usa e in Giappone con Intercultura.

Si tratta di Chiara del Liceo G.B. Bodoni indirizzo scientifico di Saluzzo, Martina e Noemi dell’Istituto Scolastico Giolitti - Gandino di Bra. Tre studentesse che dimostrano un impegno costante a scuola e in famiglia, che amano lo sport, uscire con gli amici ma soprattutto mettersi alla prova, per ampliare la propria visione del mondo, per poter un domani contare su quelle competenze trasversali, sempre più richieste dal mondo del lavoro, quali l'apprendimento o il perfezionamento di un'altra lingua, la predisposizione ad intraprendere nuove iniziative, a relazionarsi con gli altri in maniera positiva e l’aumento delle capacità di giudizio.

La cerimonia di premiazione per il conferimento delle borse di studio si è tenuta domenica 30 aprile, in occasione dell’Assemblea dei Soci, presso la sede di Roreto di Cherasco, alla presenza del Presidente, Giovanni Claudio Olivero, del Vicepresidente, Alberto Rizzo, del Direttore Generale, Pier Paolo Ravera e della signora Celeste Bravo, vedova dell'ex Presidente Alberto Bravo, mentre in rappresentanza di Intercultura, ha partecipato Claudia Chiaperotti, Referente Regionale Raccolta Fondi.

Banca di Cherasco ha inoltre messo in palio una borsa di studio nell’ambito del Premio “Cherasco Storia” che, dal 1997, riconosce le opere di autori italiani e stranieri che trattino temi storici con rigore scientifico e qualità di scrittura, attraverso una selezionata e prestigiosa Giuria.Sabato 27 maggio, alle ore 15, saranno proclamati il vincitore del Premio Nazionale “Cherasco Storia” 2017 e il vincitore del Premio Nazionale “Cherasco Storia – fondazione De Benedetti Cherasco 1547 per il giornalismo”, alla presenza della Ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca On. Valeria Fedeli e del Presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino. In tale occasione sarà conferita a uno studente del territorio frequentante la quarta liceo, la Borsa di Studio Banca di Cherasco, finanziata dall’Istituto. 

“La Banca di Cherasco ha sempre posto al centro della propria attività i Soci e i loro figli – spiega il Presidente Olivero - siamo orgogliosi che, anche nel 2017, tre di loro potranno vivere questa importante esperienza con Intercultura. Come attestato da una recente ricerca Ipsos, i giovani che hanno frequentato programmi di questo tipo hanno meno difficoltà nel trovare lavoro, sono generalmente persone più soddisfatte della propria carriera e consapevoli dell'importanza di avere un ruolo attivo nella propria società: poter migliorare il futuro di questi ragazzi rientra nei compiti sociali di una banca del territorio come la nostra. Siamo lieti inoltre, grazie al Premio Cherasco Storia, di poter contribuire a mantenere alta l’attenzione verso la storia, elemento fondamentale per il presente e il futuro della nostra società e, in particolare, di partecipare alla promozione di questa disciplina verso i nostri ragazzi favorendo la loro passione per la ricerca e per l’indagine del passato”.

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore