/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | 20 maggio 2017, 16:39

Casteldelfino, accordo con il Demanio per la cessione dell’area “Mater Dei”

Provincia e Comune acquisiranno il terreno e l’ex caserma, poi diventata colonia alpina estiva ma da anni in stato di abbandono. L’immobile, di vaste dimensioni, offre interessanti opportunità al piccolo Comune dell’alta valle Varaita

L'incontro presso la sede del Demanio

L'incontro presso la sede del Demanio

Venerdì a Torino, presso la sede dell'Agenzia del Demanio, è stato compiuto il passo definitivo per l'acquisizione da parte del Comune di Casteldelfino e della Provincia di Cuneo dell'area denominata “Mater Dei - Caserma Conte di Bricherasio”, situata all'ingresso del paese e ormai da tempo in stato di abbandono.

Si sono incontrati il sindaco Alberto Anello ed il consigliere delegato al patrimonio comunale Massimiliano Dalmolin, in rappresentanza del Comune di Casteldelfino; il dirigente al patrimonio provinciale Fabrizio Freni e l'ingegnere capo del settore viabilità Riccardo Enrici per la Provincia e il responsabile dell’Agenzia piemontese Fabrizio Marmello per il Demanio.

Durante l'incontro è stato delineato l'iter della dismissione che permetterà alla Provincia di Cuneo di realizzare una casa cantoniera per la gestione della strada provinciale 621 del Colle dell'Agnello e al Comune di venire in possesso dei beni immobiliari con l'intento di realizzare un deposito per le attrezzature municipali.

Passeranno quindi anche in proprietà al comune di Casteldelfino il grande fabbricato della Colonia Mater Dei ed un altro ora occupato da un privato .

“Con questo passaggio – afferma il sindaco Alberto Anello - si dà una svolta definitiva in termini di progettualità ad un'area strategica per il comune della Castellata. La cessione alla Provincia di un'area al servizio della viabilità permetterà di assicurare all'alta valle un punto di riferimento per i servizi, mentre il fabbricato della grande ex colonia offrirà al Comune interessanti opportunità su cui, da ora, si potrà ragionare concretamente”.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium