/ Saluzzese

Spazio Annunci della tua città

generico settore agricoltura allevamento avicolo a tempo indeterminato azienda agricola del Monferrato (AL) ricerca...

Nel borgo marinaro di Gioiosa Marea e a pochi passi dal mare, pittoresca recentemente ristrutturata. La casa, dotata...

Frazione Diano Serreta, a soli 3,5 km dalle spiagge in splendida posizione con vista mare, vendesi casa...

Bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili subito un maschio e una femmina solo amanti razza....

Che tempo fa

Cerca nel web

Saluzzese | martedì 23 maggio 2017, 14:44

Il 31 maggio scade la concessione temporanea per la seggiovia di Crissolo: il punto (ad oggi) sulla querelle impianti

Siamo tornati in alta Valle Po per sentire i due principali attori di questa vicenda: il Comune e la società Sipre

La seggiovia di Crissolo

Dopo la revoca, votata all’unanimità dal Consiglio comunale, della bozza di convenzione per la gestione degli impianti sciistici di Crissolo, siamo tornati in alta Valle Po per capire quale sia ad oggi la situazione legata alle sciovie del comprensorio sciabile.

Per farlo, abbiamo interpellato quelli che al momento sono ancora i due principali “attori” della vicenda: il Comune da un lato e la società Sipre (della famiglia Genre) dall’altro.

Il sindaco, Fabrizio Re, ci ha raccontato di aver incontrato buona parte del paese venerdì scorso. Un incontro dal quale “sono emerse richieste anche legittime in merito al funzionamento dell’impianto”.

Dalla famiglia Genre – prosegue – è giunta una nuova bozza di convenzione, diversa da quella che avevamo portato in Consiglio. Detto ciò ci incontreremo proprio in questi giorni con la minoranza consiliare, per riformulare una nuova convenzione, che terrà conto questa volta anche delle richieste del paese, dal momento che dobbiamo ragionare sulla seggiovia come bene di un paese intero.

Proprio per questo cercheremo di trovare una soluzione da proporre alla Sipre che possa accontentare tutta Crissolo, anche in vista dell’apertura estiva dell’impianto”.

Da parte nostra – ci ha invece detto Gabriele Genre a nome della Sipre – abbiamo solamente proposto alcuni punti che meritano di essere approfonditi: si tratta per lo più di questioni burocratiche, nient’altro. Confidiamo che in tempi brevi si arrivi ad una risoluzione e che nei prossimi giorni il Comune ci convochi per sottoscrivere l’accordo, per poter aprire l’impianto nella prossima stagione estiva.

Mi è dispiaciuto leggere che qualche giornalista ha interpretato la nostra ‘non-firma’ come un non essere d’accordo a sottoscrivere la convenzione: abbiamo solo chiesto chiarimenti e piccoli aggiustamenti, lo ricordo ancora una volta, in ordine di elementi burocratici.

Non abbiamo mai messo in discussione i contenuti della bozza.

Torno a dire che abbiamo solo proposto piccoli accorgimenti che mi sembra doveroso vengano presi in considerazione”.

Intanto, il 31 maggio scade la concessione temporanea della seggiovia comunale alla famiglia Genre. I tempi sono quindi strettissimi.

Dal Comune il sindaco è categorico: “O firmiamo entro quella data, altrimenti non concederemo ulteriori proroghe o soluzioni provvisorie e prenderemo in esame altre alternative che ci sono state proposte”.

Gabriele Genre rilancia: “Siamo pronti alla firma anche domattina, appianiamo solo alcuni aspetti prettamente burocratici”.

Ormai è questione di giorni.

Nicolò Bertola

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore