/ Attualità

Spazio Annunci della tua città

Mi chiamo Andrea Panarese e sono un libraio antiquario. Acquisto libri antichi in Liguria e dintorni. Mi trovate anche...

Società di trasporti assume autista professionista di bilico con patentino ADR. Inviare curriculum via mail

Coldelite 3002 RTX, 12 pozzetti, attrezzature Officine bano, Frigoriferi ISA BT e TN da 700 lt, Montapanna Carpegiani...

Polleria,salumeria,praticamente nuova. Affare in blocco o separatamente i singoli pezzi. Cella frigo, forno,...

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | lunedì 19 giugno 2017, 19:15

Marsaglia: inaugurata la nuova piazza "Emilia Beoletto Biglio-Maestra"

L'inaugurazione si è tenuta sabato 17 giugno alle 17.30

Sabato 17 giugno  alle 17,30 in un pomeriggio caldo ed assolato, Marsaglia ha vissuto un altro importante momento nella storia del paese. Forse il meno eclatante rispetto alle precedenti inaugurazioni delle tante ed importanti strutture pubbliche meritoriamente realizzate nel corso di tanti anni da parte dell' attuale amministrazione comunale, ma sicuramente il più sentito e partecipato dalla tanta cittadinanza intervenuta: l’intitolazione della piazza antistante il municipio al nome di tre maestre che hanno per tanti anni insegnato nel piccolo paese di Langa, lasciando in tutti un ricordo prezioso e benevolo.

Alla presenza di tanti Sindaci del territorio e di numerose autorità, si è scoperta la targa di intitolazione “Piazza Emilia Beoletto Biglio-Maestra-“. 

La maestra Emilia, in particolare, era la mamma del sindaco di Marsaglia, Franca Biglio, che comprensibilmente commossa, ne ha brevemente ricordato la figura molto apprezzata ed amata, e come abbia insegnato anche nei momenti molto duri e difficili degli anni di guerra, rivestendo non semplicemente il ruolo di maestra, ma anche di mamma verso gli allievi più deboli o svantaggiati. A conferma, la toccante  presentazione da parte di Tiziana ed Arianna, la testimonianza di Clotilde e Domenico, due suoi ex allievi, di  Annalisa, Filippo e Mario tre bambini del paese che ne sono venuti a conoscenza attraverso il ricordo dei genitori e dei nonni, i quali ne hanno ribadito le profondi doti umane e di insegnante.

A tangibile prova, il 6 luglio del 1971 il Presidente della Repubblica Giuseppe Saragat:  “Decreta all’insegnante Biglio Emilia n. Beoletto il Diploma di Benemerenza di prima classe, con la facoltà di fregiarsi della MEDAGLIA D’ORO per aver compiuto quarant’anni di buon servizio nelle pubbliche scuole elementari”.

Accanto alla targa sono state collocate altre due targhe in ottone per ricordare le due insegnati che, dopo la maestra Biglio, più a lungo hanno prestato la loro preziosa opera nel nostro paese: Maria Sclavo Manildo, la mamma dell’Ing. Adolfo e del Dottor Matteo Manildo molto legati al nostro paese, e Maria Berardi Fenoglio la mamma di Valter Fenoglio, nonna di Maria e Filippo.

Alla presenza di tanti sindaci, dopo gli apprezzati interventi da parte di S.E. il Prefetto di Cuneo, degli onorevoli Fabiana Dadone e Mino  Taricco, anche a nome dei loro colleghi presenti (Monchiero Giovanni e Rabino Mariano), del Sindaco di Priocca Marco Perosino, in rappresentanza della Provincia, del Consigliere della Crc Massimo Gula, del Presidente Calso Marco Botto, del Presidente Emerito Confindistria Cuneo Franco Biraghi, S.E. il Vescovo di Mondovì, Mons. Luciano Pacomio, alla presenza degli Alpini, con il capogruppo Sergio Cagnotto ed il gagliardetto, ha benedetto le targhe e la “panchina rossa” a ricordo di tutte le donne vittime di violenza ed i presenti. La panchina rossa con la scritta di Martin Luther King: “Ciò che mi spaventa non è la violenza dei cattivi; è l’indifferenza dei buoni”, è nata da un’idea del Sindaco di Inverno e Monteleone, Enrico Vignati, Presidente ANPCI Pavia, con noi a Marsaglia dopo un lungo viaggio. Dal nostro paese parte ora questa importante iniziativa perché venga adottata da tutti i sindaci dei Piccoli Comuni d’Italia: una panchina rossa in ogni piccolo comune”.

Così come l’idea di identificare un luogo del paese da rendere sacro come recita la poesia del paesologo Franco Arminio: “Prendi un luogo del tuo paese e fallo sacro;vai a fargli visita prima di partire e quando torni.” La targa con questa scritta è già pronta, si tratta solo di procedere. Il Sindaco Vignati ha concluso il suo intervento dicendo: "E’ questo  un luogo sacro!. Tre maestre che hanno segnato la vita di tanti scolari, la panchina rossa che ricorda tante donne che non ci sono più, vittime di violenza inaudita! Più sacro di questo, che luogo c’è?"

Il Sindaco ha espresso il suo particolare apprezzamento per la perfetta organizzazione ringraziando la Proloco nella persona del Presidente Cappa Bruno, la protezione civile di Marsaglia con il capogruppo Marco Quaglia e quella di Nucetto con Il capogruppo Giuseppe Racca,  il segretario comunale Dottor Vito Burgio, il Dottor Gianpaolo Sandrone, il geometra Filippo Garello ed particolare i dipendenti comunali: Dott.ssa Gallesio Federica che ha contribuito in modo particolare alla buona riuscita dell’evento, Marilde Leone e Armando Paganotto. In conclusione, le figlie Elda e Franca Biglio hanno offerto un ricco e gustoso buffet a tutti, grazie alla sempre fattiva collaborazione  della Promarsagliasolidale, chiudendo in una cornice di simpatica allegria una giornata così speciale.

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore