/ CSV informa

Spazio Annunci della tua città

Mi chiamo Andrea Panarese e sono un libraio antiquario. Acquisto libri antichi in Liguria e dintorni. Mi trovate anche...

Società di trasporti a Torino assume autista di scarrabile e bilico con patentino ADR. Inviare curriculum via mail ...

Strepitosa occasione composta da soggiorno più angolo cottura due camere ,,gran terrazzo più grande giardino...

Coldelite 3002 RTX, 12 pozzetti, attrezzature Officine bano, Frigoriferi ISA BT e TN da 700 lt, Montapanna Carpegiani...

Che tempo fa

Cerca nel web

CSV informa | lunedì 19 giugno 2017, 18:01

L'associazione Age Don Giorgio impegnata nei percorsi alternativi alle sanzioni disciplinari

Partceipando al progetto del CSV “Società Solidale”

Immagine di repertorio

L’Associazione Age Don Giorgio ha partecipato al progetto del CSV “Società Solidale” “Percorsi alternativi alle sanzioni disciplinari” ospitando due ragazzi nell’ambito dell’attività La Stanza dei compiti.  

I ragazzi ospitati hanno affiancato gli utenti e gli stagisti e hanno operato con impegno e senso di responsabilità: per i volontari questa esperienza è stata motivo di soddisfazione perché hanno potuto constatare che, messi nelle condizione di mettersi in gioco, questi giovani danno il meglio di sé.  

Renato Chiapello, VicePresidente Age Don Giorgio: “È fondamentale far conoscere la dimensione del servizio perché i giovani hanno tanto potenziale inespresso. È bello che da una sanzione scolastica possa nascere qualcosa di buono. Le associazioni offrono la possibilità di fare qualcosa di buono per gli altri e questo consente di tirare fuori il bello dei nostri giovani”.

“Ospitare nelle nostre attività questi ragazzi è stata una piacevolissima sorpresa. – ha concluso Chiapello - Si sono dimostrati affabili, cortesi, sono stati una risorsa importante nell’attività di doposcuola che svolgiamo con i bambini. Non sappiamo cosa fosse capitato a scuola perché non abbiamo voluto parlarne, ci siamo lasciati felici di questa reciproca conoscenza e abbiamo proposto a questi giovani di collaborare con noi, magari occupandosi di attività sportive. I percorsi alternativi alle sanzioni disciplinari sono un bellissimo progetto, questa esperienza ci ha fatto venir voglia di metterci in gioco e di attivare i percorsi di alternanza scuola lavoro, perché lavorare con i giovani ci dà speranza, energia e soddisfazione.”  

cs

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore