/ Cronaca

Spazio Annunci della tua città

Terranova bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili due maschi solo amanti razza. Nati 16...

Da ristrutturare, su due piani con cantina interrata, portico annesso e garage esterno a parte, con terreno annesso di...

Affittasi trilocale 4/6 posti letto in Residence Blue Marine. Uso degli impianti sportivi piscina tennis bocce palestra...

Km reali iscritta ASI con CRS (possibilita` di pagare meno di assicurazione e dal 2020 tariffa ridotta anche sul bollo)...

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | venerdì 23 giugno 2017, 10:20

233 piante di marijuana coltivate in una cascina di Cherasco: arrestato 62enne

Durante la perquisizione è stato trovato un coltello detenuto illegalmente nell'immobile. militari hanno rilevato inoltre la presenza nella cascina di animali tenuti in pessime condizioni igienico sanitarie

Operazione dei carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Cuneo, in collaborazione con i colleghi delle Stazioni di Cherasco, Busca e San Damiano Macra  conclusosi con l’arresto di un pregiudicato italiano sessantaduenne, residente nel territorio Braidese.

Nello specifico, i militari, dopo mirati servizi effettuati nelle campagne dell’intera provincia, hanno individuato una cascina isolata nella zona di Cherasco dove il sessantaduenne coltivava “marjuana” nel proprio orto con piante che arrivavano a raggiungere due metri.

Durante la perquisizione è stato trovato un coltello detenuto illegalmente nell'immobile dell'uomo dove era presente un'area attrezzata con 130 piantine appena seminate che venivano fatte crescere sotto il calore di potenti lampade a ultra violetti.

In totale nel terreno del sessantaduenne sono state rinvenute 103 piante di varia altezza. I militari hanno rilevato inoltre la presenza nella cascina di animali tenuti in pessime condizioni igienico sanitarie per cui è stata fatta convergere sul posto anche una pattuglia di “Carabinieri Forestale”  che provvedeva unitamente a personale ASL a contestare all’uomo alcuni illeciti amministrativi.
   
Il responsabile che è stato denunciato in stato di arresto dai carabinieri per coltivazione e detenzione di sostanze stupefacenti e contestualmente in stato di libertà per detenzione di arma da taglio di genere proibito  espletate le formalità di rito su disposizione della competente Autorità Giudiziaria, è stato sottoposto al regime della detenzione domiciliare.

Sul conto dell’uomo, sono in corso indagini per stabilire chi fossero i fornitori delle piantine e a chi fossero destinate una volta essiccate.    

redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore