/ Cronaca

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | mercoledì 12 luglio 2017, 16:04

Chiesa gremita per l'ultimo saluto a Luca Borgoni, il cuneese 22enne morto tragicamente sul Monte Cervino

In tanti a dare questo pomeriggio un ultimo saluto commosso al giovane atleta e studente cuneese, moltissimi giovani, tanti sportivi e una presenza massiccia del team del Roata Chiusani, la squadra di cui il giovane faceva parte: "Luca ha intrapreso la sua straordinaria ascesa verso l'infinito"

Chiesa gremita per l'ultimo saluto a Luca Borgoni, il cuneese 22enne morto tragicamente sul Monte Cervino

Chiesa del Cuore Immacolato gremita per l'ultimo saluto a Luca Borgoni, giovane 22enne tragicamente deceduto a seguito di un incidente sul monte Cervino sabato 8 luglio. Sono passati quattro giorni dal fatale episodio che ha visto la dipartita del giovane podista e alpinista cuneese a seguito di una gara "vertical" del Cervino X Trail. Qui il ragazzo - che sarebbe stato prossimo alla laurea presso la Facoltà di Biologia - a termine della corsa ha scelto di continuare il percorso e proseguire fino a 3.800 metri dove è precipitato, nei pressi della Capanna Carrel.

In tanti a dare questo pomeriggio un ultimo saluto commosso al giovane atleta e studente cuneese, moltissimi giovani, tanti sportivi e una presenza massiccia del team del Roata Chiusani, la squadra di cui Luca faceva parte.

"Custodiamo dentro di noi il desiderio dell'ascesa"
-  ha detto don Carlo Occelli durante l'omelia - "Questo desiderio in alcuni è così grande che diventa un bisogno fisico che non ti consente di fermarti. Lui cercava sulla cima l'amore. E l'amore è più forte della morte. Luca ha intrapreso la sua straordinaria ascesa verso l'infinito." 

Appassionato di sport e di montagna, Luca sapeva coniugare al meglio la sua attività sportiva e lo studio. Tra i suoi sogni c'era quello di poter realizzare l'impresa sportiva di scalare il Dhaulagiri, la settima montagna più alta del mondo, per poi discenderla con lo snowboard.

Tramite il sito www.mountopia.it Luca aveva raccontato il proprio sogno alpinistico per poter ottenere un finanziamento e l'equipaggiamento necessario per realizzarlo. Nella giornata di ieri, martedì 11 luglio, il premio di 8.000 euro è stato assegnato proprio alla sua impresa. Per rispetto nei confronti suoi e della sua famiglia, l'organizzazione di Mountopia non ha assegnato il premio ad altri partecipanti. 

Al termine della cerimonia di oggi, la salma del giovane è stata accompagnata al Tempio di Magliano Alpi per il rito della cremazione.

Luca lascia la mamma Cristina, il papà Vittorio e la sorella Giulia.

daniele caponnetto

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore