/ Collisioni

Spazio Annunci della tua città

Mi chiamo Andrea Panarese e sono un libraio antiquario. Acquisto libri antichi in Liguria e dintorni. Mi trovate anche...

Società di trasporti a Torino assume autista di scarrabile e bilico con patentino ADR. Inviare curriculum via mail ...

Coldelite 3002 RTX, 12 pozzetti, attrezzature Officine bano, Frigoriferi ISA BT e TN da 700 lt, Montapanna Carpegiani...

Polleria,salumeria,praticamente nuova. Affare in blocco o separatamente i singoli pezzi. Cella frigo, forno,...

Che tempo fa

Cerca nel web

Collisioni | sabato 15 luglio 2017, 18:05

"Sotto il sole di Barolo": Tommaso Paradiso a #collisioni2017

Elogio a Christian De Sica e alla cultura pop. Tommaso Paradiso si racconta a Collisioni: "Sono un facilone. Al diavolo le cose pretenziose, io mi emoziono con Vasco"

"Sono un facilone, cresciuto con Christian De Sica, Boldi e Calà. Mi emoziono ascoltando 'Bollicine' di Vasco Rossi. Ma Venditti è colui che ho copiato di più in assoluto".

Tommaso Paradiso, frontman del trio pop thegiornalisti, ha ripercorso gli esordi della band, raccontato la sua idea di musica pop e cantato in coro con un pubblico affezionatissimo. Una mano sulla tastiera, una su un calice di rosso, e via con ‘Completamente’, brano dell’lp della band ‘Completamente Sold Out’.

 Due album autoprodotti, la firma con la casa discrografica Foolica nel 2013 e la collaborazione con la Universal, attuale editore del gruppo. "Tutto nacque da una cassetta che mi portò un amico. Ascoltai 'Don't look back in anger' degli Oasis e capii da dove trarre la mia impronta". 

Una conversazione a tu per tu con il pubblico, al quale non ha risparmiato j’accuse bonari e commenti a doppio taglio: “Mi hanno criticato perché sto lavorando alla colonna sonora del cinepanettone di De Sica. Ma la sapete una cosa? De Sica ‘ve spacca a tutti’”. Aspramente colpiti dai commenti di fan delusi dalle ultime scelte discografiche della band, Paradiso ha puntato l’indice contro il popolo di facebook: “Animato da soli haters, le cui critiche non trovano corrispondenza con la realtà. E la dimostrazione sono i tutto esaurito e i fan che cantano i brani dalla 40esima fila”.

Rispetto al panorama musicale italiano, il cantante romano ha commentato: "Lo scenario indie è mostruosamente cambiato. Oggi è possibile fare numeri enormi sin dal primo live. Si sono accesi i riflettori su un genere sempre esistito, ma che di punto in bianco è diventato fico”.

L’ora è passata. Il calice è ormai vuoto, è tempo dei saluti: “Ci vediamo in tour!”.

Federica Cucci

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore