/ Collisioni

Spazio Annunci della tua città

Pannello solare,Veranda FIAMMA, Portabici FIAMMA 4 canaline, TV e decoder in mobiletto dedicato, Antenna digitale,...

Mi chiamo Andrea Panarese e sono un libraio antiquario. Acquisto libri antichi in Liguria e dintorni. Mi trovate anche...

Società di trasporti a Torino assume autista di scarrabile e bilico con patentino ADR. Inviare curriculum via mail ...

Strepitosa occasione composta da soggiorno più angolo cottura due camere ,,gran terrazzo più grande giardino...

Che tempo fa

Cerca nel web

Collisioni | sabato 15 luglio 2017, 18:05

"Sotto il sole di Barolo": Tommaso Paradiso a #collisioni2017

Elogio a Christian De Sica e alla cultura pop. Tommaso Paradiso si racconta a Collisioni: "Sono un facilone. Al diavolo le cose pretenziose, io mi emoziono con Vasco"

"Sono un facilone, cresciuto con Christian De Sica, Boldi e Calà. Mi emoziono ascoltando 'Bollicine' di Vasco Rossi. Ma Venditti è colui che ho copiato di più in assoluto".

Tommaso Paradiso, frontman del trio pop thegiornalisti, ha ripercorso gli esordi della band, raccontato la sua idea di musica pop e cantato in coro con un pubblico affezionatissimo. Una mano sulla tastiera, una su un calice di rosso, e via con ‘Completamente’, brano dell’lp della band ‘Completamente Sold Out’.

 Due album autoprodotti, la firma con la casa discrografica Foolica nel 2013 e la collaborazione con la Universal, attuale editore del gruppo. "Tutto nacque da una cassetta che mi portò un amico. Ascoltai 'Don't look back in anger' degli Oasis e capii da dove trarre la mia impronta". 

Una conversazione a tu per tu con il pubblico, al quale non ha risparmiato j’accuse bonari e commenti a doppio taglio: “Mi hanno criticato perché sto lavorando alla colonna sonora del cinepanettone di De Sica. Ma la sapete una cosa? De Sica ‘ve spacca a tutti’”. Aspramente colpiti dai commenti di fan delusi dalle ultime scelte discografiche della band, Paradiso ha puntato l’indice contro il popolo di facebook: “Animato da soli haters, le cui critiche non trovano corrispondenza con la realtà. E la dimostrazione sono i tutto esaurito e i fan che cantano i brani dalla 40esima fila”.

Rispetto al panorama musicale italiano, il cantante romano ha commentato: "Lo scenario indie è mostruosamente cambiato. Oggi è possibile fare numeri enormi sin dal primo live. Si sono accesi i riflettori su un genere sempre esistito, ma che di punto in bianco è diventato fico”.

L’ora è passata. Il calice è ormai vuoto, è tempo dei saluti: “Ci vediamo in tour!”.

Federica Cucci

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore