/ Agricoltura

Spazio Annunci della tua città

Pannello solare,Veranda FIAMMA, Portabici FIAMMA 4 canaline, TV e decoder in mobiletto dedicato, Antenna digitale,...

Mi chiamo Andrea Panarese e sono un libraio antiquario. Acquisto libri antichi in Liguria e dintorni. Mi trovate anche...

Società di trasporti a Torino assume autista di scarrabile e bilico con patentino ADR. Inviare curriculum via mail ...

Strepitosa occasione composta da soggiorno più angolo cottura due camere ,,gran terrazzo più grande giardino...

Che tempo fa

Cerca nel web

Agricoltura | lunedì 17 luglio 2017, 08:30

PSR Piemonte: riaperto il bando Miglioramento e sostenibilità delle aziende agricole

Lo Studio Agrieuro illustra le modalità di presentazione delle domande

Immagine generica

Con una recente Determina, la Regione Piemonte ha approvato il bando per il Miglioramento del rendimento globale e della sostenibilità delle aziende agricole per l'anno 2017.

Con esso, la generalità delle aziende agricole avrà la possibilità di presentare domande di contributo per l'ottenimento di fondi a sostegno di progetti di investimento finalizzati, appunto, al miglioramento dell'azienda agricola.

In tali progetti potranno rientrare una pluralità di tipologie di investimento: dall'acquisto di meccanizzazione alla realizzazione di nuove stalle, passando per la realizzazione di locali di trasformazione dei prodotti agricoli o la vendita diretta degli stessi, tanto per fare alcuni esempi.

Il bando ricalca, in linea di massima, alcune delle linee guida già tracciate con il precedente Miglioramento di dicembre 2015. Il focus è, ancora una volta, incentrato sul premiare domande che abbiano un positivo impatto ambientale, sul benessere animale, sull'incremento occupazionale ed altre peculiarità.

La possibilità di presentazione delle domande sarà aperta dal 18 luglio 2017 al 23 ottobre 2017. Le domande dovranno essere presentate in modalità telematica, mediante gli appositi sistemi informativi.

Il contributo previsto è pari al 40% della spesa ammissibile (con un possibile incremento del 10% per gli investimenti realizzati in zone di montagna, ad eccezione di quelli del settore della trasformazione e/o commercializzazione di prodotti agricoli), con un massimo erogabile pari a 5 volte la produzione standard dell'azienda richiedente e con un limite di 130.000 euro (150.000 euro per le aree C2 e D).

Le aziende richiedenti verranno inserite in un'apposita graduatoria, suddivisa in due gruppi: da un lato le aziende nelle aree A-B-C1 e, dell'altro, quelle nelle aree svantaggiate classificate come C2-D. Inoltre, verranno ordinate in base al punteggio ottenuto, calcolato mediante l'applicazione di 9 criteri di selezione. Il punteggio minimo previsto è di 14 punti.

Come anticipato, i criteri di selezione ricalcano quelli del precedente bando di Miglioramento, con alcune revisioni su alcuni punti, in particolare sul consumo di suolo e sui progetti collettivi.

Lo Studio Agrieuro rimane a disposizione per ulteriori chiarimenti di dettaglio e per la presentazione delle domande di contributo.

Studio Agro-tecnico AGRIEURO di Pasero Agr. Angelo - www.studioagrieuro.it

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore