/ Attualità

Spazio Annunci della tua città

Scooter usato con tettino parapioggia batterie ok funziona tutto con gomme e camera d`aria.

Ducato 160 CV, super accessoriato, 2 condizionatori, gruppo elettrogeno Honda 3 Kw con accensione automatica, pannelli...

Delizioso monolocale a 800 mt dal mare, ideale come seconda casa, completamente arredato con struttura divano letto e...

Causa trasloco vendo stufa in ottime condizioni (usata 3 anni) Vi prego di valutare le caratteristiche sul sito...

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | lunedì 17 luglio 2017, 18:32

"La Granda decolla da Bergamo": una vetrina di eccellenze cuneesi all'aeroporto di Orio al Serio (VIDEO)

Presentazione in Camera di Commercio. L’area denominata “Italy loves Food” dell’aeroporto internazionale “Caravaggio” di Orio al Serio avrà una nuova protagonista: la provincia di Cuneo

È stato presentato in Camera di Commercio il progetto che vedrà protagonista la Granda presso l’aeroporto di Orio al Serio: una vetrina per promuovere le eccellenze del nostro territorio.

Dedicata alle eccellenze enogastronomiche del nostro Paese, l’area denominata “Italy loves Food” dell’aeroporto internazionale “Caravaggio” di Orio al Serio avrà una nuova protagonista: la provincia di Cuneo. L’iniziativa, resa possibile dalla collaborazione tra Camera di Commercio, fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo, Turismo AlpMed, Regione Piemonte, ATL Langhe e Roero e ATL del Cuneese, è stata presentata dalle maggiori personalità degli enti coinvolti.

Il presidente di Unioncamere Ferruccio Dardanello ha sottolineato l’importanza di valorizzare i prodotti della provincia in uno degli aeroporti più importanti d’Europa, con un flusso di 13 milioni di passeggeri l’anno, situato in un territorio che presenta numerosi punti in comune con il nostro; Dardanello ha poi proseguito proponendo lo slogan “Cuneo provincia di emozioni” per unire le bellezze paesaggistiche del nostro territorio con l’enogastronomia e il Made in Italy. “L’obiettivo di questo progetto, frutto di un investimento quadriennale nell’aeroporto, è consolidare il settore turistico, che in questi anni è l’unico che cresce in modo continuo, e inaugurare l’abbinamento, che si preannuncia fruttuoso, tra Bergamo e Cuneo”

“La Fondazione CRC sostiene con convinzione questa iniziativa, frutto di un’importante sinergia tra gli enti - commenta il presidente della Fondazione Giandomenico Genta - Questo risultato sarebbe stato possibile, pur in misura minore, anche con un lavoro solitario di un’ente, ma tramite questo impegno congiunto siamo riusciti a sviluppare un progetto di più ampio respiro.”

“Con questa importante iniziativa sarà possibile valorizzare non solo i prodotti, ma anche le numerose e importanti manifestazioni ad essi dedicate” spiega Antonella Parigi, assessore alla cultura e al turismo della Regione Piemonte, che non ha potuto essere presente alla presentazione.

“È un’iniziativa completamente nuova – aggiunge il Presidente di Turismo AlpMed e ATL di Langhe e Roero Luigi Barbero – Non è soltanto una vetrina, o un’immagine, ma una presenza attiva che promuoverà il territorio cuneese. La nostra zona darà su un’ampia piazza di promozione dell’enogastronomia e delle eccellenze italiane nei pressi dei gate d’imbarco, favorendo così la visibilità da parte dei passeggeri. La zona sarà composta da un ristorante, una zona esposizioni, un monitor lungo tutta la corsia che porta ai gate e una sala per le degustazioni; sarà presente anche Valeria Mosca, già curatrice nel padiglione Italia durante i sei mesi di EXPO 2015”.

Barbero ha inoltre aperto alla possibilità, in caso di successo, di replicare il progetto negli aeroporti di Malpensa e Francoforte.

“La Provincia ha bisogno di iniziative come questa – fa eco il Presidente di ATL del Cuneese Mauro Bernardiè fondamentale avere il sostegno di istituzioni come la Camera di Commercio, la Fondazione CRC e l’unione, dimostratasi vincente, delle nostre due ATL”

L’obbiettivo, come ha spiegato Dardanello, è l’inaugurazione il 28 luglio; nel frattempo vi sarà una riunione dei consorzi e delle confederazioni per organizzare la loro presenza nel progetto.

Giovanni Fassoni

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore