/ Saluzzese

Spazio Annunci della tua città

In ottime condizioni! Includo bauletto e 2 caschi taglia M e S. Visibile a Pinerolo. Per info contattatemi al n....

Affittasi trilocale 4/6 posti letto in Residence Blue Marine. Uso degli impianti sportivi piscina tennis bocce palestra...

Km reali iscritta ASI con CRS (possibilita` di pagare meno di assicurazione e dal 2020 tariffa ridotta anche sul bollo)...

(IM) vicinissimo piazza del mercato ampio monolocale mq 35 luminoso con parete mobile per separare zona cucina/notte,...

Che tempo fa

Cerca nel web

Saluzzese | lunedì 17 luglio 2017, 13:30

Paesana, si smantellano i lavandini dell’ex campeggio sul Lungo Po più volte scambiati per pattumiere

Il Comune decide di intervenire ordinandone la demolizione

La demolizione dei lavandini nell'ex campeggio sul Lungo Po

Sono partiti questa mattina (lunedì) i lavori di smantellamento dell’“area lavandini” dell’ex campeggio sul Lungo Po a Paesana.

Nei giorni scorsi, Targatocn aveva documentato con un’ampia “gallery” fotografica la situazione di tutta la zona sulla sponda sinistra del Po.

Il popolo del web ci ha prontamente fatto notare come il canestro del campetto di basket danneggiato sia così da circa due anni (ma comunque “vittima” di un atto vandalico) e come siano state notate alcune volpi aggirarsi nelle ore notturne nei paraggi dei cestini dell’immondizia.

Al discorso della fauna selvatica, che avrebbe sparso rifiuti nei paraggi dei cassonetti alla ricerca di cibo, aveva fatto riferimento anche Targatocn nell’articolo a corredo delle fotografie.

Nessuna scusante invece, su chi ha pensato bene di scambiare i lavandini dell’area dove un tempo trovava posto il campeggio come vere e proprie pattumiere, riempiendo le vasche di bottiglie, sigarette, carte e chi più ne, ha più ne metta.

Il Comune ha deciso quindi di intervenire, disponendo la demolizione della struttura in muratura che sino ad oggi ha ospitato i lavandini.

Intanto, l’Amministrazione comunale sta vagliando l’ipotesi di installare le prime videocamere a circuito chiuso proprio per monitorare tutta la zona del Lungo Po.

Nicolò Bertola

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore