/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | giovedì 20 luglio 2017, 09:00

Amare il calcio e i tacchi a spillo: la storia di Silvia Sanmory, tifosa per caso

Corrispondente per testate giornalistiche e scrittrice, è passata dalla moda al calcio. Tutto per colpa di un libro

A volte la vita di porta a seguire percorsi imprevedibili, strade personali e professionali che mai ci si sarebbe immaginato fino a un attimo prima della svolta. Fatti e azioni apparentemente slegati tra loro, improvvisamente offrono ai nostri stessi occhi un disegno, come quando, da bambini, si aspettava la settimana enigmistica per scoprire la figura nascosta.

È un po’ quello che è accaduto a Silvia Sanmory, corrispondente per diverse testate, di origini fossanesi, scrittrice, amante della moda e… blogger juventina.

“Un anno fa pensavo che a calcio giocasse circa una dozzina di uomini, se mi avessero chiesto cosa fosse il fuori gioco avrei risposto che era un momento conviviale al termine della partita, come il terzo tempo del rugby” racconta Silvia.

La passione per il calcio, e soprattutto la curiosità per il tifo e per le molle emotive che veicolano la passione per questo sport sono nate per caso. “Stavo iniziando a scrivere un libro giallo e il mio protagonista, Alex, è un ex calciatore molto fashion. Ho iniziato a rivolgermi ad amici appassionati di calcio per renderlo credibile e ho lanciato una sorta di call per trovare supporto. Un amico fossanese con la passione per il calcio, Alberto, è stato tra i primi a rispondere insieme a Manola, un’amica milanese. Ho dovuto imparare tutto da zero. Per caso mi sono imbattuta nella Juventus, io che mai ho avuto nemmeno un fidanzato appassionato di calcio”.

Cercando il suo Alex ideale, Silvia inizia a scavare nel mondo del calcio, guarda filmati, studia la tecnica, capisce il fuori gioco partendo da un libro pop-up per bambini dai 6 ai 12 anni: “Quando l’ho acquistato mi hanno chiesto se dovessero fare un pacchetto per un bambino. Ho ammesso che invece era per me”.

Gli aneddoti di Silvia sono moltissimi come quando, da perfetta shopaholic, entra allo Juve Stadium di via Garibaldi, fa incetta di gadget, esce piena di borse e si imbatte in un gruppo di ragazzini in estasi davanti a una giovane coppia. Incrocia lo sguardo di lui che guarda le sue borse bianconere con non poca curiosità, nota il giaccone di pelle dell’uomo, ma soprattutto le Rock Stud di Valentino ai piedi della donna: “Adoro quelle scarpe – racconta -, ma mi hanno sempre fatto male. La mia attenzione era rivolta interamente ai piedi di quella donna dentro a quelle calzature. Arrivata a casa ho iniziato a chiedermi chi fossero visto che erano attorniati da ragazzi in estasi, cerco tra le foto dei calciatori della Juventus e mi rendo conto che si trattava di Benatia”.

Resta ora la passione per la moda, le amicizie di sempre, i progetti con il marito Andrea Pozzoli, astigiano, che sta scrivendo un’opera rock per arpa celtica, l’amore per il figlio, ma accanto a questo c’è il blog: Silvia nel pallone, cronache di un’apprendista tifosa (https://silvianelpallone.blog/). “Per ironia mi sono avvicinata alla Juventus e la mia prima intervista è stata con Diego Fuser, ex del Toro”.

All’intervista a Diego Fuser ne sono seguite altre, un po’ come aprire un pacchetto di caramelle e scoprire ogni volta che ce n’è un’altra che potrebbe avere un sapore nuovo e sconosciuto: Paolo Manzo, giornalista di politica; l’amico di gioventù sfegatato della Juventus, Alberto; l’amica con la quale si condivide la passione per la moda e, ora, anche quella per la Vecchia Signora, Emanuela; la style coach Simona, moglie di un super tifoso; fino ad arrivare all’ex calciatore dell’Alessandria degli anni ’60, Sergio Cocito e alla giornalista Caterina Autiero.

Alex, nel frattempo, continua a indossare una divisa calcistica super fashion e aspetta di essere dato alle stampe entro la fine dell’anno, mentre Silvia ha finalmente il suo primo abbonamento allo stadio, la sua tessera del tifoso (della tifosa) e, naturalmente, le sue scarpe col tacco.

Agata Pagani

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore