/ Agricoltura

Spazio Annunci della tua città

Mi chiamo Andrea Panarese e sono un libraio antiquario. Acquisto libri antichi in Liguria e dintorni. Mi trovate anche...

Società di trasporti a Torino assume autista di scarrabile e bilico con patentino ADR. Inviare curriculum via mail ...

Strepitosa occasione composta da soggiorno più angolo cottura due camere ,,gran terrazzo più grande giardino...

Coldelite 3002 RTX, 12 pozzetti, attrezzature Officine bano, Frigoriferi ISA BT e TN da 700 lt, Montapanna Carpegiani...

Che tempo fa

Cerca nel web

Agricoltura | sabato 05 agosto 2017, 14:34

#controcorrente: il grido di allarme lanciato dal presidente Asprofrut, Sacchetto, sul prezzo di vendita delle pesche che non copre i costi di produzione, è un ulteriore segnale di un settore in difficoltà

L'agricoltura per decenni è stata la “Cenerentola” dell’economia italiana a livello europeo. Con il ministro Martina e il viceministro cuneese, Olivero, si è avuto un cambiamento di rotta. Ma gli importi di acquisto di frutta e verdura vengono ancora decisi, senza possibilità di trattativa, dalla grande distribuzione e dall’industria che le trasforma

I contadini dei nostri giorni non sono più quelli di cinquant’anni fa e dei decenni prima, con i visi scavati dalla fatica e dal sudore di un lavoro portato avanti ancora quasi completamente a mano. La tecnologia, nella seconda parte del secolo scorso, ha compiuto passi da gigante, offrendo al mercato rurale macchine e attrezzature sempre più moderne e capaci di supportare lo svolgimento dell’attività in tempi ridotti e con minore sforzo fisico. Ma non solo.

Grazie all’impegno delle organizzazioni di categoria e di numerosi imprenditori del settore di nuova generazione si è avviato un radicale processo di cambiamento del mondo agricolo che privilegia la qualità rispetto alla quantità delle produzioni. Un percorso attraverso il quale si seguono disciplinari rigidissimi e vengono investite, ogni giorno, risorse, fantasia e creatività. Inoltre, si stanno promuovendo i prodotti con sistemi efficaci e innovativi.

Le fattorie hanno aperto le porte ai consumatori e, soprattutto, ai bambini, spiegando loro che il latte “si munge dalla mucca e non arriva dai contenitori del supermercato”. Alcuni risultati positivi sono stati raggiunti, ma il comparto continua a presentare difficoltà vistose. Ne è la prova il grido di allarme lanciato in questi giorni dal presidente dall’organizzazione Asprofrut di Lagnasco, Domenico Sacchetto, sul prezzo incassato da quanti producono pesche: 20 centesimi al chilogrammo contro i 30 centesimi necessari a coprire le spese dell’intero ciclo di coltivazione. A parte l’uva, il cui mercato viaggia ormai su lidi solidi e ben remunerati, è una situazione devastante “pagata” anche da molte altre colture di frutta e verdura.

Spesso tante produzioni non conviene neppure raccoglierle. Un controsenso. Se poi, a questo, si aggiungono i problemi dovuti alle malattie delle piante, i disastri provocati dai fenomeni meteorologici eccezionali o la confusione generata dalle denominazioni di origine, come è accaduto con la nocciola, tutti gli sforzi vengono resi inutili.

E’ pur vero che i prezzi di acquisto dei prodotti vengono decisi, senza possibilità di trattativa, dall’industria che li trasforma o dai maggiori gruppi della grande distribuzione i quali poi vendono la frutta e la verdura nelle loro strutture a importi superiori di 8-10 volte. Però è anche vero che, nei decenni passati, c’è stata da parte dei governi italiani, alternatisi alla guida del Paese, la totale assenza di una “seria” politica agricola a livello nazionale, succubi di scelte europee per noi sempre penalizzanti. La nostra agricoltura è diventata la “Cenerentola” economica dell’Unione.

E questo non ha aiutato. Con il ministro, Maurizio Martina, e il viceministro cuneese, Andrea Olivero, si è avuta un’inversione di rotta, ma di strada ne rimane ancora parecchia da fare. Come la semplificazione del pagamento dei contributi diretti della Pac o degli iter per accedere ai finanziamenti del Programma di Sviluppo Rurale. Ma anche attivando un percorso di mediazione sui prezzi senza lasciare questi ultimi totalmente in mano al mercato libero e selvaggio. L’attività agricola è sempre stata e continua ad essere una colonna portante dell’economia italiana. Le istituzioni, compatte, devono seguirla attentamente, perché non accompagnarne il cammino nei diversi settori di produzione, o peggio ancora, abbandonarla a se stessa, rappresenterebbe un suicidio.


Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore