/ Coldiretti Cuneo

Spazio Annunci della tua città

Mi chiamo Andrea Panarese e sono un libraio antiquario. Acquisto libri antichi in Liguria e dintorni. Mi trovate anche...

Società di trasporti a Torino assume autista di scarrabile e bilico con patentino ADR. Inviare curriculum via mail ...

Strepitosa occasione composta da soggiorno più angolo cottura due camere ,,gran terrazzo più grande giardino...

Coldelite 3002 RTX, 12 pozzetti, attrezzature Officine bano, Frigoriferi ISA BT e TN da 700 lt, Montapanna Carpegiani...

Che tempo fa

Cerca nel web

Coldiretti Cuneo | sabato 12 agosto 2017, 09:02

Un chilo di pesche pagato meno di un sms: crisi senza precedenti per il settore

Pagati 15/20 cent al kg, che equivalgono al 50% del costo di produzione. L'appello di Coldiretti: consumate frutta di stagione proveniente direttamente dai nostri territori e se potete rifornitevi direttamente dai produttori e ai mercati agricoli di Campagna Amica

Ai produttori della Granda un chilo di pesche viene pagato meno che un sms per poi aumentare dal campo alla tavola di 9/10 volte! La dura denuncia viene da Coldiretti Cuneo che intende segnalare questa grave situazione ai consumatori e ai componenti della filiera.

La raccolta delle pesche in provincia di Cuneo ha avuto inizio ormai da alcune settimane, ma mai come quest'anno, nonostante l'ottimo raccolto in termini qualitativi e il caldo che dovrebbe favorire il consumo di frutta estiva, la remunerazione del prodotto al frutticoltore ha raggiunto livelli a dir poco offensivi. 15/20 cent al kg rappresentano infatti il 50% del costo di produzione: una situazione insostenibile per i migliaia di frutticoltori della Granda, territorio da sempre dedito alla coltivazione della pesca con una produzione annua di oltre 3 milioni di q.li tra pesche e nettarine.

Coldiretti Cuneo denuncia con forza le distorsioni all'interno di una filiera troppo lunga, che vede “magazzini” e grande distribuzione scaricare il peso sui produttori insieme a tutti i rischi di impresa, con pratiche commerciali spesso sleali e pagando prezzi inqualificabili.

Di questo passo - denuncia Coldiretti Cuneo - la Granda rischia di veder scomparire una delle colture che più hanno caratterizzato il territorio.

Da Coldiretti parte un appello ai cittadini che hanno sempre dimostrato attenzione verso gli agricoltori: consumate frutta di stagione proveniente direttamente dai nostri territori e se potete rifornitevi direttamente dai produttori e ai mercati agricoli di Campagna Amica.

Tutta la filiera deve riflettere profondamente sulla necessaria ristrutturazione di tutto il sistema che deve avere regole più trasparenti e soprattutto una distribuzione più equa del valore del prodotto.

Occorre inoltre – continua la Coldiretti - estendere al più presto l’obbligo di indicare in etichetta la provenienza della frutta trasformata in conserve e succhi per evitare che venga spacciata come Made in Italy quella importata dall’estero, ed aumentare i controlli sull’ortofrutta fresca di importazione, spesso etichettata e venduta per nazionale. Serve un impegno di filiera per salvare il pescheto cuneese che – conclude la Coldiretti - si è ridotto di negli ultimi anni di oltre il 30%. 


cs

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore