/ Attualità

Spazio Annunci della tua città

Pannello solare,Veranda FIAMMA, Portabici FIAMMA 4 canaline, TV e decoder in mobiletto dedicato, Antenna digitale,...

Mi chiamo Andrea Panarese e sono un libraio antiquario. Acquisto libri antichi in Liguria e dintorni. Mi trovate anche...

Società di trasporti a Torino assume autista di scarrabile e bilico con patentino ADR. Inviare curriculum via mail ...

Strepitosa occasione composta da soggiorno più angolo cottura due camere ,,gran terrazzo più grande giardino...

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | domenica 13 agosto 2017, 12:11

Crisi della peschicoltura in Piemonte, Confagricoltura: "Perso il 40% della superficie coltivata a nettarine"

I prezzi sempre più bassi spingono le aziende verso altre colture. L'appello dell'associazione: "Salviamo la produzione, la distribuzione organizzata mette in ginocchio l’intera filiera"

Immagine Pixabay

I prezzi delle pesche nettarine e della frutta estiva hanno raggiunto livelli inaccettabili. Lo denuncia Confagricoltura Piemonte, che si fa portavoce dell’emergenza che riguarda un comparto prioritario dell’agricoltura regionale e nazionale.

Il Piemonte è la terza regione d’Italia per produzione di pesche nettarine (dopo la Campania e l’Emilia Romagna), ma le superfici dedicate stanno inesorabilmente andando verso l’estinzione a causa dei prezzi di mercato sempre più bassi.

Attualmente le imprese agricole stanno lavorando in perdita e, se la situazione non migliorerà, non raccoglieranno più la frutta, poiché il costo di produzione e le spese per la manodopera sono più alti del prezzo della merce sul mercato. Quest’anno, inoltre, la produzione è stata qualitativamente e quantitativamente di ottimo livello, nonché precoce, accelerata dalle elevate temperature degli ultimi mesi.

Le nettarine vengono pagate al produttore meno di 30 centesimi al chilogrammo, in certi casi anche 20 – 25 centesimi: un prezzo inadeguato, soprattutto a fronte di quello proposto al consumatore nella distribuzione organizzata.

Le conseguenze sono evidenti: la GDO tiene per sé tutto il margine della vendita di un ottimo prodotto a prezzi bassi per il pubblico, e i produttori, a fronte dell’attività in perdita, sono costretti a estirpare i pescheti e riconvertire le coltivazioni. “La situazione è diventata insostenibile e crea ripercussioni su tutto il sistema”, dichiara il presidente di Confagricoltura Piemonte Enrico Allasia. “Andando avanti di questo passo si annienterà una filiera produttiva che ha caratterizzato il nostro territorio, mettendo in crisi il rapporto con i consumatori che oggi risparmiano qualche centesimo, ma che domani non troveranno più pesche piemontesi. Lo dimostrano i dati: dal 2000 al 2016 – precisa Allasia - la nostra regione ha perso oltre il 40% di superficie coltivata a nettarine, il doppio di quanto ha perso complessivamente l’Italia”.

La crisi si acuisce con la permanenza dell’embargo russo, che stoppa l’export tricolore e blocca un importante mercato per la nostra produzione. Confagricoltura rivolge un invito ai consumatori a prestare attenzione e seguire le fasi di mercato, mentre alla grande distribuzione l’appello è di una maggiore responsabilità per la salvaguardia della filiera. “Alle istituzioni - conclude Allasia – chiediamo di farsi carico del problema, al nostro fianco, poiché per continuare a promuovere il Made in Italy è necessario innanzitutto che ci sia la produzione”.  

cs

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore